giovedi` 23 novembre 2017
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Invia ad un amico
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Mordechai Kedar: la minaccia di Iran e Hezbollah per Israele e la pace in Medio Oriente (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Perché non c'è ancora uno Stato arabo palestinese? (con sottotitoli italiani)
Per consultare l'archivio Video
CLICCA QUI


Clicca qui





Hai già visitato il sito SILICON WADI?


Clicca qui



Molestia, stupro, omicidio 07/11/2017

Hollywood non è nuova a scandali sessuali, è noto, e la reazione è sempre la stessa, improntata ad una severità che stride con i suoi costumi. La conclusione che mi sembra cogliere da queste vicende è il trionfo dell'ipocrisia prima e dell'isteria puritana dopo. E, nel nostro piccolo, anche in Italia, molti ragionano così.

Patrizia Giove

*****************

Tutto giusto, condivido! Ma portare alla ribalta episodi risalenti a trent’anni fa mo fa pensare che è farsi nuova fama dopo L’ oblio... e non è credibile che TUTTI siano molestatori .... talvolta è scambio e se ti sta bene non pensarci più!

Liana Picasso

Gentile Patrizia, Gentile Liana,
Non solo a Hollywood, in tutto il mondo artistico e purtroppo in tutte le professioni in cui per fare carriera non si guarda in faccia nessuno, accadono episodi del genere. Spesso le persone, ipocritamente, danno vita al famoso "do ut des" romano, -io do affinchè tu dia- con la differenza che all'epoca questa frase equivaleva a un vero e proprio contratto di lavoro e di scambio che non prevedeva il sesso. Mi dispiace, sarò dura, ma, ci vuole rispetto per la propria persona e non usarla per fare un paio di film in più e poi mettersi a piagnucolare. Con questo non intendo assolvere attori, produttori, banchieri, scrittori, intellettuali vari e gente che ha il potere in mano, anzi, dico semplicemente che chi ha accettato o accetta i loro inviti o le loro mani a piovra sul proprio corpo, sa perfettamente quale sarà la conclusione quindi è un obbligo rifiutare di pagare il prezzo della propria dignità. Sono d'accordo con Fiamma Nirenstein, lo stupro è una cosa, le molestie sono tutt'altro. Lo stupro è violenza bruta che, per me, equivale a un omicidio e che spesso purtroppo le donne, spesso bambine, non riescono a evitare; le molestie si possono persino prevenire comportandosi in un certo modo, rifiutando inviti in camere d'albergo dove, si sa, il produttore non chiede di salire per giocare a canasta e, comunque, si deve denunciare subito non dopo 30 anni quando ormai la data di scadenza è superata da troppo tempo. Un cordiale shalom

www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT