mercoledi` 25 gennaio 2017
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Invia ad un amico
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

I ragazzi che difendono Israele
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

La verità sui confini del '48 (sottotitoli in italiano)
Per consultare l'archivio Video
CLICCA QUI


Clicca qui





Hai già visitato il sito SILICON WADI?


Clicca qui



Il Foglio Rassegna Stampa
11.01.2017 A che cosa serve Guantanamo
E il pensiero politicamente corretto di Repubblica

Testata: Il Foglio
Data: 11 gennaio 2017
Pagina: 3
Autore: la redazione del Foglio
Titolo: «Guantanamo spiegato a Bonini»

Riprendiamo dal FOGLIO di oggi, 11/01/2017, a pag. 3, l'editoriale "Guantanamo spiegato a Bonini".

Quanta retorica su Guantanamo, persino Obama non l'ha chiuso.  Altrochè vendetta e tortura, i detenuti godono dei diritti di tutti i detenuti degli stati democratici, da musulmani hanno anche la dieta Halal. Ma i vari Bonini & Co. hanno sempre descritto Guantanamo come un inferno, ignorando che i detenuti sono terroristi, spacciandoli per vittime.

Immagine correlata

Con l’aria di chi ha trovato la spiegazione, Carlo Bonini scrive su Repubblica che, quando il 20 gennaio Obama passerà la mano, il carcere speciale di Guantanamo, “il monumento allo stato d’eccezione” che si è fatto “vendetta, tortura e incubatore d’odio” avrà compiuto 15 anni. E che la sua mancata chiusura è stato il più grande fallimento del presidente dem, “non gliel’hanno mai perdonato”. Inutile cercare in Bonini la consapevolezza che, da 15 anni, una guerra al terrore è in corso, e che c’è chi la combatte. No, per lui Gitmo è per sempre “fantasmi in tuta arancione”, “animali da cortile nelle stie”. L’orrore.

Volevamo provare a spiegarglielo noi, Guantanamo. Ma basterebbe che leggesse, sul suo giornale, il gran reportage di Alberto Flores d’Arcais del 2009, in cui il bravo giornalista raccontava che “le gabbie all’aria aperta” sono abbandonate, Camp X-Ray è chiuso dal 2002 e che a Camp 4 i detenuti “hanno i massimi benefici: venti ore d’aria al giorno, campi di pallavolo e calcetto, una stanza dove possono guardare la tv satellitare, la biblioteca, celle individuali, una vita in comune”.

Insomma che mentre è proseguita e s’è fatta più aspra la guerra al terrore, è cambiata anche Guantanamo, senza aspettare i sogni irenisti di Obama. Perché la cosa che più di tutte Bonini dovrebbe comprendere – e se l’ha capita alla fine persino Obama, non dovrebbe essere impossibile – è che un carcere speciale, e uno status persino confusamente giuridico di “nemico”, se c’è una guerra asimmetrica, esistono. Non li ha inventati Bush, li ha creati la realtà della guerra. Bonini dice “enemy combatants” con l’aria di chi non riesca a comprendere che cosa siano. Quindici anni sprecati, anche per lui.

Per inviare la propria opinione al Foglio, telefonare 06/589090, oppure cliccare sulla e-mail sottostante


lettere@ilfoglio.it
www.jerusalemonline.com