sabato 22 luglio 2017
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Invia ad un amico
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

La disinformazione dei media contro Israele (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Il doppio standard contro Israele (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)
Per consultare l'archivio Video
CLICCA QUI


Clicca qui





Hai già visitato il sito SILICON WADI?


Clicca qui



Corriere della Sera Rassegna Stampa
19.03.2017 Google non cancella su Youtube i video antisemiti: sono solo opinioni
Cronaca di Luigi Ippolito

Testata: Corriere della Sera
Data: 19 marzo 2017
Pagina: 15
Autore: Luigi Ippolito
Titolo: «Google non toglie i video antisemiti. Da Bbc a Audi pubblicità ritirata»

Riprendiamo dal CORRIERE della SERA di oggi, 19/03/2017, a pag.15, con il titolo "Google non toglie i video antisemiti. Da Bbc a Audi pubblicità ritirata" la cronaca di Luigi Ippolito.

Non solo BBC e Audi, anche L'Oreal, Havas che rappresenta Hyundai,Edf e Royal Mail hanno tolto la pubblicità a Google. La cronaca di Luigi Ippolito, molto accurata, ci fa capire come il gigante di Internet sia di fatto complice della crescita dell'antisemitismo e quindi dell'odio contro Israele. Tocca quindi ai governi dei paesi democratici intervenire, su Google vanno oscurati TUTTI i siti antisemiti. La menzogna dell'esistenza di una lobby ebraica torna sempre a rispuntare, e se per una volta entrasse in funzione davvero ?

Risultati immagini per luigi ippolito corriere della seraRisultati immagini per google youtube logo
Luigi Ippolito

Dopo la polemica sulle fake news, le notizie false disseminate su Internet, sono ora giganti del web come Google e la sua controllata YouTube, la piattaforma video, a finire direttamente nel mirino: ma questa volta le accuse sono ancora più gravi, perché riguardano la pubblicità postata accanto a video dal contenuto estremista e spesso antisemita. Soprattutto perché parte del ricavato di quelle inserzioni finisce direttamente nelle tasche dei predicatori d'odio. La conseguenza è che investitori importanti, dal governo britannico alla Bbc, da Audi a L'Oreal, hanno ritirato le loro inserzioni da Google e YouTube. «Abbiamo imposto una restrizione temporanea alla nostra pubblicità su YouTube in attesa di assicurazioni da parte di Google che i messaggi del governo possano essere presentati in maniera sicura e appropriata», ha detto un portavoce dell'esecutivo britannico. Venerdì i rappresentanti di Google sono stati convocati dalle autorità, che hanno lanciato un avvertimento molto chiaro: «E del tutto inaccettabile che pubblicità pagata dai contribuenti appaia accanto a contenuti inappropriati». Sulla scia di queste decisioni anche la Havas, una delle più grandi agenzie di marketing del mondo, che rappresenta clienti come Hyundai, Edf e Royal Mail, ha ritirato tutte le sue inserzioni da Google in Gran Bretagna e sta considerando un bando globale. Havas spende circa 200 milioni di euro l'anno in pubblicità online nel Regno Unito, di cui una quarantina vanno a Google. Il tentativo di trovare un accordo è fallito perché, secondo Havas, il gigante di Mountain View «è stato incapace di provvedere specifiche assicurazioni e garanzie». Lo scandalo è scoppiato dopo che un'inchiesta del Times ha rivelato la presenza di centinaia di video antisemiti su YouTube. Queste clip inneggiano al nazismo, negano l'Olocausto e propagandano l'idea che gli ebrei siano dietro banche, giornali e politici. Uno di questi video, poi rimosso, sosteneva che gli ebrei uccidono bambini cristiani a Pasqua per venderne la carne a McDonald's che ne farebbe hamburger.
Il Times ha segnalato alcuni di questi video a Google, ma sono stati rimossi solo dopo varie insistenze. Programmi della Bbc venivano pubblicizzati su clip postate da ex membri del Ku Klux Klan o da predicatori islamici banditi dal Regno Unito. Gli spot della Audi apparivano accanto a video di un predicatore omofobo anch'egli messo al bando. La dozzina di estremisti denunciati dal Times potrebbero aver guadagnato fino a 3oo mila euro dalle pubblicità che comparivano assieme ai loro odiosi contenuti, anche se Google ha negato queste cifre. Il gigante del web ha cercato di difendersi, sostenendo di credere «nel diritto di esprimere opinioni che noi e molti altri troviamo abominevoli», ma allo stesso tempo di «non tollerare i discorsi d'odio». Come si può immaginare, è una linea molto sottile. Google sostiene di fare affidamento sul pubblico per scovare contenuti offensivi perché non può controllare tutto, data la quantità di materiale che ospita: «Abbiamo politiche chiare contro l'incitamento alla violenza o all'odio e rimuoviamo contenuti illegali o che violano le nostre regole quando ne siamo messi a conoscenza». L'hanno scorso Google aveva firmato un codice di condotta europeo con cui si impegnava a esaminare contenuti segnalati come offensivi entro 24 ore dalla notifica ed eventualmente rimuoverli. Il video «Adolf Hitler was right» con migliaia di visualizzazioni è una sequenza di immagini dell'epoca a cui si giustappongono scritte come «nel 1941 Adolf Hitler sapeva di avere ragione e oggi lo sappiamo anche noi». Un altro video dallo stesso titolo denuncia il complotto mondiale della cosidetta dobby ebraica»

Per inviare al Corriere della Sera la propria opinione, telefonare: 02/62821, oppure cliccare sulla e-mail sottostante


lettere@corriere.it
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT