venerdi 26 maggio 2017
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Invia ad un amico
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

La minaccia arriva dal nord: Hezbollah ai confini d'Israele con le armi dell'Iran (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Parla Bassem Eid, attivista palestinese per i diritti umani, quelli veri (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello - per chi ha difficoltà di lettura dei sottotitoli, cliccare su Youtube in basso a destra)
Per consultare l'archivio Video
CLICCA QUI


Clicca qui





Hai già visitato il sito SILICON WADI?


Clicca qui



Il soldato Azaria e altro 07/01/2017

Buongiorno,
ho letto alcuni commenti sul caso Azaria, un caso a mio personale parere ove in pochi secondi si condensano troppe sensazioni ed emozioni umane che rendono difficoltoso l'essere visto con il dovuto orizzonte umano che il caso richiederebbe.
Un caso che si pone al confine tra le ipotesi di legittima difesa e la vendetta quale forma di giustizia immediata, e per qualsiasi giudice è sempre un caso difficile. Il caso Azaria visto isolatamente potrebbe essere usato, anche inconsapevolmente, in modo errato, pertanto andrebbe valutato nel contesto unitamente ad altri casi simili come quello del soldato Eden Natan-Zada per fatti similari ma con le parti rovesciate, e a mio modo di vedere ha detto bene il Presidente Rivlin ove ha affermato che anche l’istanza di grazia dovrà avere il suo iter previsto, sottolineando che il caso richiede scelte ponderate nei modi previsti dalle leggi israeliane e non prese sull’onda emotiva.
Poi un’informazione, ho letto sull’articolo di Deborah Fait delle circostanze circa l’attentato all’aeroporto di Bruxelles del marzo 2016 “ …….. l'attentato all'aeroporto di Bruxelles del marzo scorso, 35 morti, centinaia di feriti. Uno dei terroristi era a terra ferito, un poliziotto belga che si trovava vicino a lui è scappato a gambe levate,……..” deduco dovrebbe trattarsi del caso di Ibrahim El Bakraoui, e poiché non ho trovato resoconti circa l’episodio descritto se potrebbe indicarmi una fonte per studiarne i comportamenti sopratutto del poliziotto e delle relative defailance di addestramento. http://www.panorama.it/news/esteri/bruxelles-due-esplosioni-aeroporto/

Cordialmente
Franco Licciardello

Risponde Deborah Fait:

 La fonte dell'episodio di Bruxelles sono stati i telegiornali che hanno mandato e rimandato la scena dell' esplosione del terrorista. Nei filmati dell'episodio si vede chiaramente il poliziotto avvicinarsi al terrorista e poi scappare. Dopo un paio di secondi l'esplosione.

Cordialmente
Deborah fait
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT