mercoledi` 26 luglio 2017
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Invia ad un amico
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

L'arringa per la mia Terra, di Herbert Pagani
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

La disinformazione dei media contro Israele (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)
Per consultare l'archivio Video
CLICCA QUI


Clicca qui





Hai già visitato il sito SILICON WADI?


Clicca qui



 
Michelle Mazel
Come la penso
<< torna all'indice della rubrica
La commemorazione e il negazionismo 27/01/2017
La commemorazione e il negazionismo
Commento di Michelle Mazel

(Traduzione di Angelo Pezzana)

L'articolo di Michelle Mazel sull'edizione in francese del Jerusalem Post: http://www.jpost.com/Edition-Francaise/Politique/Commémoration-et-négationnisme-479921

Immagine correlata

Il campo di sterminio di Auschwitz venne liberato il 27 gennaio 1945. Nel 2005, settant’anni dopo, l’Assemblea generale delle Nazioni Unite ha – finalmente ? - deciso di dedicare ogni anno la commemorazione della Shoah in questo giorno. Da allora il 27 gennaio è il giorno dedicato alla memoria delle vittime della Shoah. A partire del 2010 le Nazioni Unite scelgono un tema specifico: quest’anno la scelta è stata « educare e un futuro migliore ». L’Unesco ha programmato una serie di manifestazioni, che evocheranno il dovere della memoria ; sopravvissuti saranno testimoni, mentre tutti ripeteranno « mai più ».

Non si creda però che questa giornata avvenga ovunque, sono pochi i paesi dove avvengono manifestazioni ufficiali, oltre a quelle organizzate dalle comunità ebraiche, dove esistono, cioè qualche paese in Europa e negli Stati Uniti. I paesi arabi, da parte loro, preferiscono evocare più spesso « il preteso sterminio », e non perdono tempo a riflettere una storia che non li riguarda, così dicono spesso, anche se non sempre. Nel 2001, un giornalista egiziano è arrivato a scrivere « grazie a Hitler per avere vendicato in anticipo i palestinesi per i crimini più odiosi che subiscono, e se qualcosa dobbiamo rimproverargli è che non abbia completato l’opera ». Un altro si augurava che venisse « clonato un nuovo Hiler ».

In Francia i tribunali ancora oggi sono chiamati a giudicare il negazionismo e dei comici si permettono di chiamare « memoria pornografica » la commemorazione della Shoah. Tralasciamo le dichiarazioni pessismiste del nuovo segretario generale delle Nazioni Unite, Antonio Guterres, citate sul Jerusalem Post del 23 gennaio scorso. La Shoah, secondo lui, non riguardava solo la follia di un gruppo di nazisti, ma anche « duemila anni di odio e di discriminazioni continue contro gli ebrei ». Aggiunse di essere preoccupato per « le nuove forme e le espressioni » dell’odio contro gli ebrei che rivelano come l’antisemitismo è più vivo che mai, dicendo di volersi impegnare a denunciare l’antisemitismo condannandolo in ogni sua espressione. Un impegno sicuramente necessario visto il moltiplicarsi degli « incidenti » antisemiti avvenuti nell’ultimo anno.

Secondo quanto il Ministero israeliano della Diaspora ha reso pubblico questa settimana, sono più che raddoppiati in Germania, passando da 194 a 461. In Inghilterra la crescita è stata del 62%. Negli Stati Uniti c’è stata una vera e propria esplosione di tweet antisemiti : più di due milioni e mezzo e nelle ultime settimane, e minacce di attentati sono arrivate a decine di istituzioni ebraiche. Più di duemila annifa, Tucidide scriveva già che la storia è un eterno ricominciare nuovamente…

Immagine correlata
Michelle Mazel


http://www.informazionecorretta.it/main.php?sez=90
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT