domenica 24 settembre 2017
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Invia ad un amico
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Perchè l'Antisionismo è Antisemitismo (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Rav Jonathan Sacks spiega che cosa davvero è il movimento antisemita e razzista BDS (sottotitolato in italiano)
Per consultare l'archivio Video
CLICCA QUI


Clicca qui





Hai già visitato il sito SILICON WADI?


Clicca qui



 
Ugo Volli
Cartoline
<< torna all'indice della rubrica
Dall’ideologia al paradiso in terra, passando per la disinformazione 03/09/2017

Dall’ideologia al paradiso in terra, passando per la disinformazione
Cartoline da Eurabia, di Ugo Volli

Cari amici,

ideologia è una parola nata in Francia nel XVIII secolo in ambiente sensista e illuminista, per indicare la scienza che doveva occuparsi della formazione dei pensieri. Nei suoi due secoli di vita il termine ha cambiato molti significati e valutazioni, diventando con Marx e Engels la “falsa coscienza” dei filosofi raccontati come imbroglioni perché in disaccordo con il socialismo “scientifico” (“L’ideologia tedesca”), poi negli anni Venti sempre in ambito comunista è diventata l’espressione positiva della coscienza di classe del proletariato, infine ne è stata proclamata la morte, notizia per dirla con Mark Twain, un tantino esagerata.

Nel linguaggio corrente oggi la si intende, per usare le parole della Treccani “in senso spreg."soprattutto nella polemica politica, complesso di idee astratte, senza riscontro nella realtà, o mistificatorie e propagandistiche, cui viene opposta una visione obiettiva e pragmatica della realtà politica, economica e sociale.”
Un buon modo di cogliere la contrapposizione è quella di vedere il rapporto coi fatti: sia la scienza che l’ideologia partono per forza da ipotesi sulla realtà. La differenza è che per un atteggiamento scientifico i fatti prevalgono e se non corrispondono alle attese della teoria, ne richiedono l’abbandono o quanto meno la riformulazione, mentre per ideologia non permette ai fatti di turbare le sue magnifiche certezze e se c’è contraddizione, preferisce abolire i fatti.
E’ un atteggiamento comunissimo nella vita quotidiana: quasi tutti, di fronte a una “dissonanza cognitiva”, cioè al contrasto fra la realtà e le nostre convinzioni, resistiamo il più possibile prima di cambiare idea.
Immagine correlata
Immagine correlata

Contrariamente a quel che proclamavano alcuni, fino a pochi anni fa, le ideologie non sono affatto finite. Semplicemente nel nostro tempo hanno perso la rigidità e la pretesa sistematica di un tempo. Mentre comunismo e fascismo pretendevano di fondarsi su scienze (naturalmente bizzarre ma tragiche caricature della scienza vera come il “materialismo dialettico” e la "scienza della razza”) oggi l’ideologia è piuttosto sentimentale, finge di essere etica, ma continua ad essere allergica al contatto coi fatti. Anzi cerca di eliminare i fatti che la contrastano, o almeno chi li racconta. In questo non è diversa dal fascismo e dal comunismo, ma anche dalle religioni politiche.

Immagine correlataImmagine correlata
Baruch Spinoza


Galileo fu processato dall’Inquisizione per aver lasciato capire che la terra girava intorno al sole, in apparente contraddizione con un passaggio del libro dei Giudici in cui si parla del sole che si ferma in cielo durante una battaglia – espressione che è perfettamente possibile considerare metaforica.
Spinoza fu scomunicato dalla comunità ebraica di Amsterdam per avere espresso posizioni sulla storicità della Bibbia e sui miracoli che oggi sono condivise anche da molti religiosi. Ma tutto sommato andò bene a entrambi rispetto alla massa di “eretici” messi a morte da religioni al potere come cristianesimo, islam, comunismo, fascismo.

L’ideologia contemporanea, come dicevo è sentimentale e non “scientifica”, locale senza ambizioni universali. E’ fondata sull’odio di sé maturato dall’Occidente (e purtroppo in particolare dal suo settore più colto e professionalizzato nel giornalismo, nella politica, nella scuola, nella religione e nella giustizia.
La sua credenza profonda è che abbiano sempre per principio ragione gli altri, quelli che non hanno il potere, secondo una visione grossolana chiamata bizzarramente nelle università americane che fanno testo “intersezionalità”:
i poveri, i “neri” secondo un’idea razzista all’incontrario ma pur sempre razzista, i popoli del “Terzo Mondo”, i musulmani, le donne, i gay ecc.
Che poi i poveri votino contro chi sostiene questa linea, che le donne e i gay siano oppressi, violentati e magari anche uccisi in buona parte delle società del Terzo Mondo e in particolare fra quelli islamici, che queste società non ammettano il dissenso e ricorrerebbero subito alle armi contro posizioni del genere al loro interno, agli ideologhi di oggi non conta.
Quel che importa è esprimere quel che nel mitico ‘68 si sarebbe chiamata la loro “incazzatura”. Ma sono passati cinquant’anni, le nostre società sono immensamente cambiate, il dio del socialismo è morto e loro sono ancora lì che abbaiano alla luna.

Vi faccio rapidamente un paio di esempi: il primo sono le statue. Sapete tutti che in America c’è un’epidemia di abbattimenti di statue di generali del Sud nella guerra civile di quasi centosessant’anni fa. Un nome è Lee, per esempio. A parte il fatto che nessuno ha esaminato la posizione personale del generale sudista, che probabilmente non pensava di combattere in difesa dello schiavismo ma della libertà degli stati, oggetto di un progetto di centralizzazione incostituzionale, ha senso modificare i ricordi storici consolidati a seconda degli umori politici del momento?. In America lo stanno facendo, prendendosela con Cristoforo Colombo, colpevole di aver scoperto (dal punto di vista europeo) l’America, con conseguenza terribili per gli indigeni, ma certo non attribuibili a lui, con Franklin, Washington e Jefferon, padri della libertà americana ma possessori di schiavi. Altri se la pigliano con Gandhi, che in gioventù avrebbe detto che gli indiani erano meglio dei sudafricani neri. Vogliamo noi abbattere le statue e cambiare i nomi delle strade a Giulio Cesare, Augusto, Garibaldi, a tutti i papi, i re, i duchi e i signori delle varie città? Non si sono certo comportati meglio di Colombo, almeno dal nostro punto di vista.

Ma una volta che facciamo il processo alla storia ed eliminati tutti i vincitori, che cosa ci resta? Siamo sicuri che i Sioux fossero più morali di Colombo, salvo nella favola di Pocahontas? E che Franceschiello era meglio di Vittorio Emanuele? Ma soprattutto ha senso ragionare in questa maniera? Trasformare la storia in una sorta di casa del Grande Fratello in cui si eliminano gli sgraditi? E che gli sgraditi (agli occhi della stampa dei politici dei giornalisti ecc. non certo della maggioranza dei cittadini) siano sempre quelli su cui si fonda la nostra cultura, non suggerirà un carattere suicida di questa ideologia?

Altro esempio, gli stupri oggi in Europa. Qualcuno (http://roma.corriere.it/notizie/cronaca/17_settembre_01/dossier-viminale-2438-denunciati-stupro-o-abusi-cd55498e-8e88-11e7-ae8d-f3af6c904a41.shtml ) ci annuncia trionfalmente che dei 2438 stupri denunciati l’anno scorso, “solo” 904 siano opera di stranieri e 1534 di italiani. Cioè sono stranieri circa il 40% degli stupri di fronte all’8% della popolazione. “Solo”?
Vuol dire che gli stranieri hanno una propensione a questo tipo di crimine 5 volte maggiore degli italiani. E lo stesso vale per lo spaccio, il furto ecc. I dati sulla presenza in carcere degli stranieri sono del tutto coerenti: il 35,3 per cento ( http://openmigration.org/idee/tutti-i-numeri-sugli-stranieri-in-carcere-in-europa-e-in-italia/ ). Del resto basta ricordarsi di quel che è successo a Colonia il capodanno 2016 (subito dopo l’anno del milione di ingressi voluto dalla Merkel, o come vanno le cose in Svezia (https://it.gatestoneinstitute.org/5224/svezia-stupri ) patria dell’”accoglienza” e degli stupri per rendersi conto dei fatti. E se si vuole una spiegazione, è evidente che l’immissione di una massa di immgrati all’89% (proprio così, l’ottantanove per cento!) maschi e per lo più provenienti da società in cui le femmine non “custodite” da un parente maschio sono oggetti sessuali disponibili al primo che passa non può che provocare un’epidemia di stupri.

Ma i giornali, i politici, i preti cercano in tutti i modi di occultare questo rapporto di causa ed effetto. Non solo non ne traggono la lezione che i clandestini non sono i “buoni selvaggi” di Rousseau, perché preferiscono affidarsi all’ideologia piuttosto che alla realtà, ma cercano di impedire a me e a voi di farlo, nascondendo, mistificando, negando, rinviando la pubblicazione delle notizie (e non solo sugli stupri, anche su tutto il resto, attentati terroristici in testa).
Youtube (cioè Google) ha chiuso migliaia di canali e Facebook altrettanti siti, perché i loro contenuti non andavano nel senso dell’ideologia politically correct. Dicono di farlo per evitare strumentalizzazioni per non dare spazio alle bufale razziste e cose del genere.
Ma ha ragione Trump, sono loro le fake news, sono loro che attentano alla democrazia, con il nobile pretesto, che è stato sempre anche dei comunisti e dei fascisti, di migliorare il popolo e di portarlo, da “avanguardia” illuminata o da “Stato etico” al paradiso in terra.

Certo, l’utopia verso cui vorrebbero portarci i burocrati europei si presenta un po’ diverso da quello di Hitler e di Stalin, se non altro perché il processo per arrivarci è cosparso di molta vaselina. Ma poi non credo che sarebbe davvero così differente, lager e gulag inclusi al momento buono. Opinioni mie, naturalmente, che non posso dimostrare. E che sarebbero cancellate dal regime della correttezza politica, se potesse. Ma preferirei evitare la prova dei fatti, per questa volta.

Immagine correlata
Ugo Volli - clicca sulla copertina del libro per tutte le informazioni e procedere all'acquisto

www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT