mercoledi` 18 ottobre 2017
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Invia ad un amico
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Intervento in difesa di Israele all'Onu del Principe Verde, figlio di Hamas (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Israele si prepara a ogni tipo di attacco da parte dei terroristi di Hezbollah (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)
Per consultare l'archivio Video
CLICCA QUI


Clicca qui





Hai già visitato il sito SILICON WADI?


Clicca qui



 
Ugo Volli
Cartoline
<< torna all'indice della rubrica
Religione, non politica 30/05/2017
Religione, non politica
Cartoline da Eurabia, di Ugo Volli

A destra: Angela Merkel con Donald Trump

Cari amici,

avete letto tutti le parole della Merkel dopo Taormina: “I tempi in cui potevamo fare pienamente affidamento sugli altri sono passati da un bel pezzo, questo l'ho capito negli ultimi giorni. Noi europei dobbiamo prendere il nostro destino nelle nostre mani.” (http://www.ilsole24ore.com/art/mondo/2017-05-28/merkel-avvisa-l-europa-non-possiamo-fidarci-trump-e-fas-rivela-piano-segreto--185257.shtml?uuid=AEIa1gUB). Gli “altri” beninteso, sono la Gran Bretagna della Brexit e l’America di Trump. “Noi europei” sono un gruppetto di paesi che escludono quelli dell’Est che si ricordano bene del comunismo e che comunque hanno una guida naturale, la Germania, che Merkel spera di governare ancora a lungo. A me è passato un brivido per la schiena. Parole del genere non si sentivano da ottant’anni, quando il cancelliere tedesco era bruttino e bassotto come Merkel, solo portava i baffi. Badate, non mi sogno di accusare la Merkel di nazismo, sarebbe una sciocchezza piramidale, anche se alcuni dei suoi più stretti collaboratori (guarda un po’, quelli di sinistra) hanno una certa propensione a mescolarsi un po troppo con gli antisemiti e i candidati carnefici degli israeliani (http://www.italiaisraeletoday.it/la-sedia-vuota-e-la-testa-vuota/, http://www.jpost.com/Diaspora/German-FM-hosts-Iranian-official-calling-for-Israels-destruction-494013). Certamente però non è nuova la geopolitica dell’Europa come “Mitte”, cioè come centro, al cui centro sta la Germania, che deve prendere in mano il proprio destino lottando con i naturali nemici dell’America e della Russia, che vorrebbero schiacciarla e diffidando dai troppo commerciali inglesi (del resto l’ha detto anche papa Francesco che bisogna diffidare dai commercianti, forse nel fondo del suo cuore pensava ai commercianti ebrei “senza patria”: http://www.liberoquotidiano.it/news/italia/12397297/papa-francesco-ilva-genova-chi-licenzia-non-imprenditore-commerciante-.html).

Sono sciocchezze. I leader europei sono tanto poco propensi a “prendere il loro destino nelle loro mani” che hanno guardato stupefatti e poi apertamente ironici Trump che a Bruxelles li invitava a contribuire finanziariamente alla loro autodifesa (http://www.telegraph.co.uk/news/2017/05/25/trump-demands-europe-pay-toward-nato-excoriating-speech-brussels/). Figuriamoci se è capace di prendere il destino nelle proprie mani un gruppo di paesi che si è fatto liberare dall’America due volte nel secolo scorso, che dall’America si è fatto difendere contro l’Urss fino alla sua caduta, curando sempre meno la propria autodifesa e da ultimo si sta facendo invadere dagli islamisti usando la Marina militare come taxi.

Il fatto è che però la Merkel ci crede e dietro a lei ci credono i “buoni europei”: non al “destino”, beninteso che da che mondo è mondo ha come premessa essenziale l’autodifesa, con relativi costi materiali e rischi per le persone; ma nel fatto che con Trump (e anche con la Gran Bretagna della Brexit) “non si può parlare”, “non ci si può fidare”, che insomma sono inferiori, rozzi, immorali, traditori. E’ un atteggiamento largamente condiviso dall'intellighenzia e dal giornalismo americano, che sta usando tutte le proprie cartucce contro Trump dando “notizie” che al 90% sono invettive contro di lui (il dato si trova qui: http://www.jewishworldreview.com/0517/bernie_g052917.php3), ma che soprattutto corrisponde a una bizzarra religione politica. I dirigenti europei, forse ubriacati dalla vittoria di Macron (e dai precedenti, piuttosto incerti, in Olanda e in Austria), si sono fatti prendere da una ubriacatura di arroganza e ragionano sulla base di “chi non è con me è contro di me”. Chi non crede alla loro versione degli accordi commerciali, della politica climatica, dell’”accoglienza” dei “profughi” (cioè delle porte aperte all’invasione dei clandestini), alla loro idea che la globalizzazione vada comunque bene, dev’essere un barbaro, un pazzo, qualcuno incapace di ragionare o addirittura uno che ragiona solo sul suo interesse o un traditore. Nel frattempo il terrorismo avanza, l’invasione dei clandestini continua col loro appoggio, non vi sono risposte alle difficoltà economiche dovute all’eccesso di burocratizzazione. Francamente non capiscono come vi possa essere un’altra politica. E se qualcuno la pratica, come Trump, oscillano fra le risatine di scherno e la desolazione. La loro è religione (senza Dio), non politica.

Immagine correlata
Ugo Volli - clicca sulla copertina del libro per tutte le informazioni e procedere all'acquisto


http://www.informazionecorretta.it/main.php?sez=90
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT