sabato 18 novembre 2017
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Invia ad un amico
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Perché non c'è ancora uno Stato arabo palestinese? (con sottotitoli italiani)
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Rav Jonathan Sacks spiega che cosa davvero è il movimento antisemita e razzista BDS (sottotitolato in italiano)
Per consultare l'archivio Video
CLICCA QUI


Clicca qui





Hai già visitato il sito SILICON WADI?


Clicca qui



Il Foglio Rassegna Stampa
11.11.2017 Macron/Bin Salman: un incontro importante
Analisi di Daniele Raineri, non del tutto bene informato

Testata: Il Foglio
Data: 11 novembre 2017
Pagina: 1
Autore: Daniele Raineri
Titolo: «Escalation saudita»

Riprendiamo dal FOGLIO di oggi, 11/11/2017, a pag.1/4 con il titolo " Escalation saudita" l'analisi di Daniele Raineri.

L'analisi di Daniele Raineri è fin troppo bipartisan, soprattutto quando cita l'opinione di Daniel Shapiro, che è l'ex ambasciatore americano in Israele e non viceversa, come scrive Raineri. Oppure quanto riporta il New York Times, una fonte decisamente da prendere con le molle. La posizione israeliana, espressa dal governo di Bibi Netanyahu è invece chiarissima. Che poi Macron abbia suggerito a Bin Salman 'cautela e prudenza' è tutto da dimostrare. Quel che è reale è l'incontro, ciò che si sono detti non è stato reso pubblico.

Roma. Ci sono due misteri che in questo momento riguardano la situazione molto tesa fra Libano e Arabia Saudita. Il primo: chi ha dato ai combattenti houthi i missili balistici che sparano contro Riad? Ieri il il generale americano Jeffrey Harrigian, che comanda l’aviazione del Central Command – il settore del Pentagono che segue le guerre in medio oriente – ha detto che il missile di tipo Scud (è un Burkhan 2, in arabo “Vulcano”) che è stato intercettato la sera di sabato scorso sopra l’aeroporto internazionale di Riad “è di fabbricazione iraniana e ne porta i segni”. Ma non ci sono immagini dei resti e non si sa ancora come gli iraniani portino i missili balistici in Yemen, un paese circondato da un blocco di sorveglianza per impedire le forniture di armi. Gli esperti notano che la gittata dei missili aumenta in modo progressivo: gli houthi hanno cominciato nel 2015 con una prima versione più leggera da 250 km, che a marzo 2016 è stata migliorata per volare per 400 km, abbastanza per colpire le basi militari a ridosso del confine; poi il 9 ottobre 2016 hanno lanciato un missile tipo Scud contro la base aerea di re Fahd, a 525 km dal confine; il 28 ottobre hanno attaccato l’aeroporto civile di Jeddah, a 630 km dal confine; a febbraio 2017 sono arrivati alla capitale Riad, 800 km di volo, che si pensava fosse fuori gittata; e poi hanno continuato, a luglio e infine sabato scorso. In quasi ogni occasione gli attacchi sono stati intercettati dalle batterie di missili Patriot americani (in almeno undici occasioni nel 2016), ma quello di sabato scorso – lan - ciato poche ore dopo le dimissioni in tv di Hariri – ha fatto infuriare l’erede al trono Mohammed bin Salman. Il secondo mistero: le condizioni del primo ministro libanese Saad Hariri, che formalmente è un alleato dell’Arabia Saudita ma che secondo i suoi compagni di partito a Beirut è trattenuto a Riad, capitale saudita, contro la sua volontà dopo avere annunciato le dimissioni sabato scorso con un messaggio tv dall’estero che ha lasciato il suo paese sbigottito. L’aspetto più bizzarro a proposito di Hariri è che lui ha incontrato nel frattempo una schiera di visitatori: giovedì l’amba - sciatore britannico, quello delle Nazioni Unite e un diplomatico americano, ieri l’ambasciatore russo e quello italiano. Ma, nota una fonte diplomatica anonima con il New York Times, “ho avuto l’impressione che non fosse libero di parlare”. Il ministro degli Esteri francese ieri ha detto che Hariri è libero di muoversi, ma intanto in patria il capo del Partito di Dio, Hassan Nasrallah, quindi il nemico mortale dei sauditi e il rivale libanese di Hariri, ne ha approfittato per dire in tono irrisorio che “ogni insulto al primo ministro è un insulto a tutto il paese”. Nasrallah si sente forte perché, come ha sottolineato nel discorso, i sauditi non sono ancora riusciti a prevalere in Yemen, figurarsi se possono pensare di scatenare una guerra contro il Libano. Però poi ha aggiunto che stanno pagando Israele perché faccia la guerra al posto loro. Daniel Shapiro, ex ambasciatore israeliano a Washington e ora commentatore, dice che un conto è essere allineati dalla stessa parte contro la minaccia iraniana, un altro sarebbe seguire alla cieca gli impulsi del giovane principe saudita. Insomma, Gerusalemme non vuole farsi dettare i tempi di quel secondo round di guerra contro Hezbollah, che pure considera inevitabile dal 2006, dai sauditi furiosi per i missili houthi. Nasrallah nel suo discorso ammette che il clima di normalità e di nonchalance che fino a oggi ha coperto il potere di Hezbollah in Libano è finito. I sauditi stanno infilando una serie di manovre pericolose una dietro l’altra – vedi il viaggio lampo fatto giovedì dal presidente francese, Emmanuel Macron, per consigliare cautela e prudenza a Bin Salman – ma stanno accendendo un faro sulle manovre dell’Iran. In questo contesto c’è da ricordare che l’Amministrazione Trump è una delle più anti iraniane di sempre (e molte altre non sono state tenere) e che finora ha dato carta bianca ai sauditi.

 


lettere@ilfoglio.it
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT