lunedi` 23 ottobre 2017
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Invia ad un amico
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Rav Jonathan Sacks spiega che cosa davvero è il movimento antisemita e razzista BDS (sottotitolato in italiano)
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Intervento in difesa di Israele all'Onu del Principe Verde, figlio di Hamas (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)
Per consultare l'archivio Video
CLICCA QUI


Clicca qui





Hai già visitato il sito SILICON WADI?


Clicca qui



Il Manifesto Rassegna Stampa
12.01.2017 Le trame di chi delegittima Israele alla conferenza di Parigi
Michele Giorgio è tra questi

Testata: Il Manifesto
Data: 12 gennaio 2017
Pagina: 9
Autore: Michele Giorgio
Titolo: «Gli Usa alla prova di Gerusalemme, a Parigi l'ultima occasione di Kerry»

Riprendiamo dal MANIFESTO di oggi, 12/01/2017, a pag. 9, con il titolo "Gli Usa alla prova di Gerusalemme, a Parigi l'ultima occasione di Kerry", il commento di Michele Giorgio.

Il pezzo di Michele Giorgio è una serie di speranze affinché la Conferenza di Parigi che si terrà tra tre giorni condanni Israele. E' lo stesso Giorgio, però, a sottolineare quanto poco possa contare quanto verrà discusso a Parigi, prevedendo un semplice appello bilaterale al dialogo.

Ecco l'articolo, di scarso interesse, ma che riportiamo per dovere di cronaca:

Immagine correlata
Michele Giorgio

Immagine correlata
Benjamin Netanyahu, Barack Obama

Dall'ultimo discorso come presidente degli Stati Uniti, Barack Obama l'altra sera ha escluso Israele e i palestinesi. Una scelta che ha gettato una nuova ombra sugli otto anni di politica mediorientale della sua Amministrazione, segnata da promesse non mantenute.

IL PRESIDENTE USCENTE ha rinunciato all'ultimo "colpo di coda" temuto dal premier israeliano Netanyahu. Non pochi ci speravano dopo l'astensione degli Usa all'Onu che lo scorso 23 dicembre ha permesso al Consiglio di Sicurezza di riaffermare, con la risoluzione 2334, lo status di territori occupati per Cisgiordania, Gaza e Gerusalemme Est e di condannare la colonizzazione israeliana. Però in un'intervista il presidente uscente ha spiegato che la linea espressa dal suo successore Donald Trump, di aperto sostegno alle posizioni della destra al potere in Israele, se attuata con decisioni concrete avrà conseguenze gravi.

OBAMA SI È RIFERITO all'intenzione di Trump di trasferire l'ambasciata Usa da Tel Aviv a Gerusalemme (che, secondo voci, dovrebbe avvenire il 24 maggio, nel "giorno di Gerusalemme") in un atto di riconoscimento della città santa quale capitale unita di Israele. Intenzione confermata dalla nomina a nuovo ambasciatore americano a Tel Aviv dell'avvocato David Friedman, uno storico alleato dei coloni e della destra israeliana. La tensione, a pochi giorni dall'insediamento di Trump alla Casa Bianca, è già alle stelle.

LA BATTAGLIA DIPLOMATICA per Gerusalemme è iniziata. II presidente dell'Autorità nazionale palestinese (Anp) Abu Mazen ha inviato una lettera a Trump nel tentativo di dissuaderlo a compiere i passi annunciati. Un suo stretto collaboratore, Mohammed Shttayyeh, ha annunciato una campagna contro il trasferimento dell'ambasciata Usa a Gerusalemme. Si comincia domani nelle moschee di Medio Oriente, Nordafrica e Asia dove si terranno preghiere contro il riconoscimento di Gerusalemme, incluso il suo settore arabo occupato nel 1967, quale capitale di Israele. E altrettanto avverrà domenica nelle chiese. Impossibile fare previsioni sul successo di questa iniziativa che abbraccia due continenti. L'Anp però ci crede e se da un lato, come dice Shttayyeh, sottolinea il carattere pacifico della campagna, dall'altro avverte che Trump dovrà essere molto cauto perché le sue intenzioni su Gerusalemme rischiano di incendiare la regione. II caponegoziatore palestinese Saeb Erekat ha fatto sapere che eventuali mosse contrarie al diritto internazionale spingeranno i palestinesi a revocare il riconoscimento di Israele votato dopo gli Accordi di Oslo e a smembrare l'Anp.

LA PARTITA ORA SI SPOSTA a Parigi dove il 15 gennaio si apre la conferenza internazionale sul conflitto israelo-palestinese. Israele ha bocciato senza appello l'iniziativa francese. Al contrario l'Anp spera che i 72 Paesi partecipanti, tra i quali gli Usa con il segretario di Stato uscente John Kerry, prendano decisioni concrete a favore della nascita dello Stato di Palestina.

DA PARIGI PERÒ NON USCIRÀ una dichiarazione finale rivoluzionaria. Con ogni probabilità la conferenza chiederà a Netanyahu e Abu Mazen di riaffermare il loro impegno a favore dei due Stati e di prendere le distanze da quei ministri e funzionari di governo che si oppongono a quella soluzione. In particolare al premier israeliano si chiederà di allontanare dal governo il ministro dell'istruzione Naftali Bennett, leader del partito ultranazionalista religioso Casa Ebraica, fermamente contrario allo Stato di Palestina. II quotidiano israeliano Haaretz scrive che i partecipanti riaffermeranno come confini dei territori palestinesi occupati quelli del 4 giugno del 1967 e rifiuteranno annessioni unilaterali e non negoziate. La Francia, aggiunge il giornale, vuole raggiungere un consenso tra gli Stati partecipanti su una dichiarazione "equilibrata" che contenga sia l'accoglimento della risoluzione 2334 dell'Onu che la condanna della "violenza palestinese".

Per inviare la propria opinione al Manifesto, telefonare 06/689191, oppure cliccare sulla e-mail sottostante


redazione@ilmanifesto.it
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT