giovedi` 24 agosto 2017
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Invia ad un amico
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

I tre terrori: Iran, Turchia e Siria - la canzone ironica (Latma tv)
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Menachem Begin interviene su un possibile Stato palestinese 09/08/2017
Per consultare l'archivio Video
CLICCA QUI


Clicca qui





Hai già visitato il sito SILICON WADI?


Clicca qui



Il Giornale Rassegna Stampa
13.08.2017 Iran e Corea del Nord sempre più vicini. Verso una guerra nucleare?
Analisi di Fiamma Nirenstein

Testata: Il Giornale
Data: 13 agosto 2017
Pagina: 14
Autore: Fiamma Nirenstein
Titolo: «L'Iran prossimo fronte nella partita nucleare»
Riprendiamo dal GIORNALE di oggi, 13/08/2017, a pag. 14, con il titolo "L'Iran prossimo fronte nella partita nucleare", l'analisi di Fiamma Nirenstein

Immagine correlata
Fiamma Nirenstein

Immagine correlata

Molte fatali regole del gioco nucleare sono state rotte in questi giorni, e fra queste una cui Israele è stata in tutti questi decenni, dal 1967, molto fedele: la discrezione, il silenzio, la sua specifica «deliberate nuclear ambiguity» scelta e perseguita senza defezioni su quelle che si dice sia la forza di Dimona: 200 bombe pronte all'uso. In generale, l'ambiguità segue una regola del silenzio: Kim Jong un l'ha rotta con le sue minacce poi seguite dal duro monito di Trump: nel mondo della bomba si parla il meno possibile se non per condannarla, per paventarne le terribili conseguenze. Nessuna delle potenze nucleari, neppure il Pakistan, si è mai messa a strombettarne il possesso dopo la bomba sul Giappone al fine di concludere la guerra mondiale nel 1945 e il rischio sfiorato con la crisi russo-americana del 1962.

Israele se ne dotò per decisione di David Ben Gurion e con il lavoro diplomatico di Shimon Peres (due socialisti!), e poi Dimona ha sempre lavorato in silenzio, anche per la preoccupazione che sventolare un drappo nucleare irriti il toro islamico e non solo.

Risultati immagini per iran north korea
Iran e Corea del Nord preparano i missili nucleari

Ma adesso, con la crisi coreana, il rischio nucleare riguarda da vicino Israele di nuovo. L'Iran, ha detto il professore Dore Gold che è stato ambasciatore di Israele all'Onu e dirige il think tank Jerusalem Center for Public Affairs, guarda agli USA di fronte alla minaccia Nord Coreana per capire, eventualmente, il suo proprio destino: «Quello che faranno avrà enormi influenze sulle decisioni che gli ayatollah prenderanno sulle future scelte circa il programma nucleare e anche sul disegno egemonico di conquista del Medio Oriente». Non solo: la prospettiva di attacchi nucleari, il realismo senza precedenti con cui si configurano nella realtà contemporanea, suscitano ambizioni jihadiste, progetti di acquisti e di furti. Inoltre se Kim Jong un, che si dice abbia già rifornito gli iraniani di pezzi per la costruzione del nucleare, sta scegliendo alleati per un eventuale conflitto, di certo l'Iran è il primo della lista. Inoltre un attacco eventuale a Israele, da qualsiasi parte venga, ha sempre la caratteristica di un attacco per interposta persona agli Stati Uniti, un esperimento per vedere fin dove si può arrivare. L'unica arma è la deterrenza, che certo Israele non può praticare senza uscire dalla «ambiguità»: per farlo, non deve semplicemente vantarsi della sua forza, dice l'esperto Luis Renè Beres, ma saper gestire un inedito programma di eventuale difesa nucleare contro avversari irrazionali. Una guerra sconosciuta. Gli esperti disegnano anche il solito scenario che più la cultura occidentale disegna e desidera: che il Dibbuk torni nelle viscere della terra, e che la vita torni a sorridere. Un sogno molto pericoloso da cui si rischia di svegliarsi di soprassalto.

Per inviare al Giornale la propria opinione, telefonare: 02/85661, oppure cliccare sulla e-mail sottostante


segreteria@ilgiornale.it
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT