mercoledi` 26 luglio 2017
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Invia ad un amico
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

L'arringa per la mia Terra, di Herbert Pagani
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

La disinformazione dei media contro Israele (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)
Per consultare l'archivio Video
CLICCA QUI


Clicca qui





Hai già visitato il sito SILICON WADI?


Clicca qui



Il Tempo Rassegna Stampa
19.05.2017 Onu e Unesco: guerra a Israele a colpi di mozioni
Commento di Dimitri Buffa

Testata: Il Tempo
Data: 19 maggio 2017
Pagina: 15
Autore: Dimitri Buffa
Titolo: «Una crociata a colpi di mozioni per conquistare Gerusalemme»

Riprendiamo dal TEMPO di oggi, 19/05/2017, a pag. 15, con il titolo "Una crociata a colpi di mozioni per conquistare Gerusalemme", il commento di Dimitri Buffa.

Immagine correlata
Dimitri Buffa

Immagine correlata

 

Se uno fa una ricerca sul sito del parlamento europeo rispetto alle proposte di risoluzione contro Israele per fattori che vanno dalla guerra di Gaza del 2014 agli insediamenti "illegali" in West Bank e Gerusalemme passando per le questioni sul monte del Tempio, appannaggio Unesco, e per le centinaia di diatribe coi palestinesi, vedrà che escono fuori oltre 690 paginate. Se poi la ricerca si restringe rispetto a quelle approvate le paginate che vengono fuori sono 40. Che con una media di dieci link a pagina fanno pur sempre quasi quattrocento "issues". E parliamo degli ultimi tre anni.

L'Onu forse supera questo record, ma recentemente anche il governo italiano, da quando si segue più o meno la linea della Federica Mogherini, che nell'Unione europea è praticamente la ministra degli esteri, ha cambiato posizione. Salvo ricambiarla di nuovo quando, come nel caso del voto all'Unesco sul monte del Tempio, Renzi diede il contrordine pochi mesi prima di lasciare la presidenza del consiglio. Fatto sta che anche le campagne più odiose relative ai boicottaggi dei prodotti agricoli di Giudea e Samaria, considerate colonie, hanno sempre visto in prima fila la Ue e il Parlamento europeo nel prendere sempre e comunque posizione contro Israele. Anche nell'appoggiare di fatto le campagne di boicottaggio di quei prodotti all'interno dei supermercati Ue. E questo nonostante che in quei campi a raccogliere i datteri lavorino migliaia di palestinesi pacifici che invece con gli israeliani hanno buoni rapporti. E che rischiano costantemente il posto di lavoro a causa della visione ideologizzata anti Israele di gran parte dei paesi europei.

Immagine correlata

Con l'Italia il caso più clamoroso del passato prossimo è stato proprio il voto di astensione dello scorso settembre 2016 nel rapporto Unesco che condannava gli insediamenti illegali degli israeliani a Gerusalemme Est. Ma anche il 30 novembre di quello stesso anno, senza che nessun media se ne accorgesse, proprio l'Italia aveva votato altre sei soluzioni di condanna stavolta dell'Onu sempre per gli insediamenti illegali e dintorni. Praticamente i palestinesi sono le vittime preferite da tutelare da parte dell'Europa. Sia da parte del parlamento che della Commissione. E anche il popolo più finanziato a livello di cooperazione, benchè i miliardi di euro stanziati ogni anno spesso finiscano ad armare i miliziani di hamas e a pagarne lo stipendio. Prima di oggi, solo nel 2017, su proposta della Mogherini, il parlamento europeo aveva condannato lo stato di Israele perbentrevolte, il 6 febbraio, il 25 febbraio e il 7 aprile per temati che concernenti i nuovi insediamenti in Cisgiordania o a Gerusalemme Est. Non tutte le condanne espresse nelle dichiarazioni vengono poi "regolarizzate" con un voto, ma poco ci manca. E quando non è il Parlamento a farlo allora subentra la commissione Ue, cioè la governance europea. Ma, come si dice a Roma, «se non è zuppa è pan bagnato».

Proprio la nomina della Mogherini e le sue dichiarazioni sempre ostili o quasi contro Israele portarono nel novembre 2015 il premier Benjamin Nethanyahu a un gesto estremo: escludere l'Europa dalle proposte di mediazione di pace tra israeliani e arabo palestinesi. Insomma il premier non voleva sedersi a tavolo con la Ue a parlare di pace. La notizia pubblicata anche sul nostro giornale creò il primo serio incidente diplomatico della nuova responsabile degli esteri europea. Anche se poi pian pianino la ferita si rimarginò. L'Italia da parte sua dopo essersi astenuta nel settembre 2016 nel voto Unesco che negava agli ebrei qualunque retaggio su Gerusalemme, lasciando insoluta la questione del tempio di Salomone, e dopo la sfuriata di Renzi che parlò di «voto inconcepibile», all'Onu fece di peggio. Infatti a dicembre di quello stesso anno confermò la risoluzione Onu che ricalcava quella Unesco e stavolta votò addirittura a favore. La giustificazione fu quella banalissima degli «automatismi in seno alla Ue», che è come dire che siccome Francia, Spagna e Germania votano a favore finisce che lo dobbiamo fare pure noi. Più di qualcuno invece ipotizzò l'ennesimo sgambetto della stessa Mogherini a Renzi.

Per inviare al Tempo la propria opinione, telefonare: 06/675881, oppure cliccare sulla e-mail sottostante


segreteria@iltempo.it
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT