domenica 22 ottobre 2017
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Invia ad un amico
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Intervento in difesa di Israele all'Onu del Principe Verde, figlio di Hamas (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Israele si prepara a ogni tipo di attacco da parte dei terroristi di Hezbollah (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)
Per consultare l'archivio Video
CLICCA QUI


Clicca qui





Hai già visitato il sito SILICON WADI?


Clicca qui



Corriere della Sera Rassegna Stampa
10.10.2017 Oxford: si impone il politicamente corretto, cristiani censurati
Commento di Luigi Ippolito

Testata: Corriere della Sera
Data: 10 ottobre 2017
Pagina: 17
Autore: Luigi Ippolito
Titolo: «E il college di Oxford mette al bando le associazioni cristiane»

Riprendiamo dal CORRIERE della SERA di oggi, 10/10/2017, a pag. 17, con il titolo 'E il college di Oxford mette al bando le associazioni cristiane' il commento di Luigi Ippolito.

La censura nei confronti delle idee propugnate dalle associazioni cristiane messe al bando a Oxford possono essere discutibili, ma questo non autorizza a bloccarle. Il risultato del provvedimento preso è la dittatura del politicamente corretto, un'arma utilizzata dall'islamizzazione dell'Europa. Come ripetono gli estremisti islamici: "Prima il sabato, poi la domenica", ovvero prima ci occupiamo degli ebrei, poi dei cristiani...

Ecco l'articolo:

Risultati immagini per luigi ippolito corriere della sera
Luigi Ippolito

Immagine correlata
L'Università di Oxford

 

Studenti cristiani messi al bando dal Balliol College, uno dei più prestigiosi dell’università di Oxford, perché la loro fede «procura danno» e propaga «l’omofobia e il neocolonialismo»: è l’ultima polemica che coinvolge gli atenei e il tema della libertà di parola, ma questa volta gli eventi hanno preso una piega a dir poco singolare. È accaduto che durante la fiera delle matricole — la settimana durante la quale i nuovi allievi vengono introdotti alla vita universitaria e alle varie attività — l’organo di rappresentanza degli studenti del Balliol College ha deciso di negare gli spazi all’Unione Cristiana (una delle principali organizzazioni studentesche) perché «preoccupati dal potenziale danno per le matricole». Infatti, a loro dire, «l’influenza del Cristianesimo su molte comunità marginalizzate è stata dannosa nei suoi metodi di conversione e nelle sue regole pratiche, ed è ancora usata in molti luoghi come una scusa per l’omofobia e certe forme di neocolonialismo». Va detto che l’università di Oxford in quanto tale non c’entra niente con tutto ciò e che la stessa assemblea degli studenti, riunita domenica, ha condannato l’operato dei rappresentanti in quanto «violazione della libertà di parola e di religione». E alla fine si è deciso di autorizzare la presenza di uno stand multiconfessionale, pur senza esponenti di gruppi religiosi. Ma la polemica era ormai divampata, provocando l’intervento del reverendo Nigel Genders, responsabile per l’educazione della Chiesa anglicana, che ha sottolineato come «la libertà di religione e di fede è un principio fondamentale che sorregge il nostro Paese e le sue grandi istituzioni e università». La gran parte dei college di Oxford venne fondata nel Medioevo ad opera di vescovi e monaci cristiani e al loro interno sono collocate splendide cappelle: che però sono state oggi riconvertite in spazi di preghiera e meditazione multiconfessionali. Anche il Balliol sorse nel 1263 sotto gli auspici del vescovo di Durham e ha educato nelle sue aule diversi primi ministri, nonché Boris Johnson.

 

 

Per inviare la propria opinione al Corriere della Sera, telefonare 02/62821, oppure cliccare sulla e-mail sottostante


lettere@corriere.it
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT