lunedi` 24 luglio 2017
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Invia ad un amico
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

La disinformazione dei media contro Israele (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Il doppio standard contro Israele (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)
Per consultare l'archivio Video
CLICCA QUI


Clicca qui





Hai già visitato il sito SILICON WADI?


Clicca qui



Corriere della Sera Rassegna Stampa
17.07.2017 Gerusalemme: metal detector per accedere al Monte del Tempio: una misura indispensabile
Cronaca di Davide Frattini

Testata: Corriere della Sera
Data: 17 luglio 2017
Pagina: 15
Autore: Davide Frattini
Titolo: «Spianata delle Moschee, metal detector agli ingressi. I palestinesi pregano fuori»

Riprendiamo dal CORRIERE della SERA di oggi, 17/07/2017, a pag. 15, con il titolo "Spianata delle Moschee, metal detector agli ingressi. I palestinesi pregano fuori" il commento di Davide Frattini.

Di seguito il commento puntuale di Davide Frattini, per approfondire rimandiamo alla Cartolina di oggi di Ugo Volli. 

Risultati immagini per davide frattini
Davide Frattini

Immagine correlata
La necessaria installazione di metal detector all'ingresso dell'area del Monte del Tempio/Spianata delle moschee

Dagli altoparlanti gli imam invitano i fedeli a restare fuori. Perché si oppongono ai metal detector voluti dalla polizia israeliana dopo l’attentato di venerdì mattina, due agenti e i tre terroristi uccisi. Gli assalitori venivano già armati da dentro la Spianata delle Moschee, il terzo luogo più sacro dell’Islam. I capi del Waqf, l’organismo deputato a gestire l’area, sostengono che i controlli all’ingresso contravvengano alle norme dello «status quo» fissate cinquant’anni fa dal generale israeliano Moshe Dayan, dopo la cattura della Città Vecchia nella guerra dei Sei giorni: l’amministrazione del quadrilatero è lasciata ai religiosi arabi, gli ebrei possono visitare l’area ma non pregarvi, Israele è responsabile per la sicurezza della struttura. L’attacco di venerdì dimostra che il governo israeliano ha bisogno di garanzie sulla sicurezza dalla struttura. Con il rischio di toccare la questione più complessa ed esplosiva. Solo qualche centinaio di palestinesi ieri ha accettato di passare i metal detector ed entrare, il resto ha protestato all’esterno. Mentre Hamas da Gaza incita alla guerra santa.

 

Per inviare al Corriere della Sera la propria opinione, telefonare: 02/62821, oppure cliccare sulla e-mail sottostante


lettere@corriere.it
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT