sabato 22 luglio 2017
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Invia ad un amico
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

La disinformazione dei media contro Israele (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Il doppio standard contro Israele (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)
Per consultare l'archivio Video
CLICCA QUI


Clicca qui





Hai già visitato il sito SILICON WADI?


Clicca qui



Corriere della Sera Rassegna Stampa
20.03.2017 La propaganda della sinistra estremista e le sue vittime: una mostra a Roma
Commento di Pierluigi Battista

Testata: Corriere della Sera
Data: 20 marzo 2017
Pagina: 29
Autore: Pierluigi Battista
Titolo: «I vecchi maoisti e l'era delle fake news»

Riprendiamo dal CORRIERE della SERA di oggi, 20/03/2017, a pag. 29, con il titolo "I vecchi maoisti e l'era delle fake news", il commento di Pierluigi Battista.

Risultati immagini per Pierluigi Battista
Pierluigi Battista

Risultati immagini per manifesti maoistiRisultati immagini per libretto rosso mao tse tung
Un manifesto di propaganda maoista- il libretto rosso di Mao

Sono andato a vedere al Museo di Roma in Trastevere una mostra molto interessante dedicata ai manifesti di propaganda maoista negli anni di sangue della Rivoluzione culturale in Cina e ne sono uscito domandandomi come facciamo davvero a credere alla balla secondo cui vivremmo solo ora in un’epoca di dominio delle fake news, di notizie false e menzognere, di «post-verità». Uno osserva questa grottesca paccottiglia, questo museo degli orrori propagandistici, questa galleria di falsità e di cattivo gusto e viene preso da sconforto ricordando quanti raffinati intellettuali, quanti riveriti appartenenti alla «parte giusta», quanti neofustigatori della credulità popolare (e populista) abbiano divorato la minestra maoista, e prima ancora stalinista e castrista e poi polpottista senza essere giustamente bollati per quelli che erano: degli stupidi inconsapevolmente complici di regimi criminali. Alfieri della menzogna, propalatori delle più fantasiose fake news, e ciononostante omaggiati come sacerdoti dell’arte e della cultura: un’altra notizia non vera.

Credevano alle bugie rappresentate dai manifesti in mostra, i cinesi tutti contenti, l’uguaglianza che trionfava, il paradiso socialista che si realizzava in terra e non vedevano, perché non volevano vedere, i milioni (milioni) di vittime assassinate, la repressione feroce contro i professori colpevoli di conoscere una lingua straniera e dunque condannati come agenti della «decadente cultura occidentale», i «borghesi» deportati in massa nei laogai, i campi di concentramento la cui esistenza è stata sempre ignorata dai negazionisti, le umiliazioni degli insegnanti vessati dalle bande di ragazzini fanatici inquadrati nelle Guardie Rosse e costretti a indossare un cappello con le orecchie d’asino per lo scherno delle folle aizzate, i teatri trasformati in luoghi pubblici di tortura, i morti di una carestia provocata da delirio ideologico del mostruoso «Grande balzo in avanti». Niente, i nostri creduloni riveriti (i nomi? Non basterebbe un intero giornale) credevano solo alla paccottiglia che ora viene messa in mostra a Roma. Vedevano solo quello che volevano vedere. Il loro era un atto di fede, e l’agitare il libretto rosso con le massime di Mao un gesto di devozione: il manuale delle fake news, quando la post-verità di chiamava menzogna.

Per nviare la propria opinione al Corriere della Sera, telefonare 02/62821, oppure cliccare sulla e-mail sottostante


lettere@corriere.it
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT