martedi` 22 agosto 2017
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Invia ad un amico
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

I tre terrori: Iran, Turchia e Siria - la canzone ironica (Latma tv)
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Menachem Begin interviene su un possibile Stato palestinese 09/08/2017
Per consultare l'archivio Video
CLICCA QUI


Clicca qui





Hai già visitato il sito SILICON WADI?


Clicca qui



Corriere della Sera Rassegna Stampa
16.02.2017 Posta video antisemita, star globale di Youtube perde il posto
Commento di Stefano Montefiori

Testata: Corriere della Sera
Data: 16 febbraio 2017
Pagina: 15
Autore: Stefano Montefiori
Titolo: «Posta video antisemita, star globale di Youtube perde il posto»

Riprendiamo dal CORRIERE della SERA di oggi, 16/02/2017, a pag. 15, con il titolo "Posta video antisemita, star globale di Youtube perde il posto", il commento di Stefano Montefiori.

Immagine correlata
Stefano Montefiori

Immagine correlata
Felix Kjellberg

Felix Kjellberg è la star di YouTube più popolare al mondo. Ha 27 anni, è nato a Göteborg in Svezia e vive a Brighton in Inghilterra con la 24enne fidanzata vicentina Marzia Bisognin (anche lei, «CutiePieMarzia», una celebrità di YouTube). Con il nome d’arte di PewDiePie e i clip dedicati al mondo dei videogiochi, Felix ha raccolto 52 milioni di abbonati — e 15 milioni di dollari nel 2016, secondo la rivista Forbes . Adesso però Disney e YouTube prendono le distanze, perché l’11 gennaio scorso PewDiePie ha postato un video di troppo. Il ragazzo svedese ha deciso di parlare di Fiverr, il servizio online che permette di chiedere a terzi piccole prestazioni pagando qualche dollaro. Per fare la prova PewDiePie ha offerto 5 dollari a due indiani che garantivano di ballare nella giungla con un cartello e il messaggio scelto dal cliente.

«Morte agli ebrei», ha indicato PewDiePie sul formulario online, e i due uomini hanno ubbidito. Lui ha pubblicato le immagini prendendola sul ridere. Altri lo hanno trovato meno spiritoso. Non è la prima volta che PewDiePie diffonde contenuti a sfondo antisemita o nazista, giocando sul fatto che si tratta di scherzi, un’abitudine alla derisione globale tipica della cultura dei gamer online. Anche così però Kjellberg è diventato un idolo dei suprematisti bianchi e di siti neonazisti come il Daily Stormer . Ecco l’elenco delle ultime prodezze, da settembre in poi: ha mostrato lo spezzone di un discorso di Hitler e le svastiche inviate dai fan; si è esibito in camicia bruna mentre guarda un video di Hitler; ha diffuso l’inno del partito nazista con una voce fuoricampo di Hitler che dice «Sieg Heil» e la scritta, ovviamente sarcastica, «nazista accertato»; in un altro clip di PewDiePie c’è Gesù che dice «Hitler non ha fatto niente di male»; il suo conto Twitter è stato poi sospeso per due messaggi in cui, per scherzo, giurava fedeltà all’Isis. Prima di postare un video di San Valentino con Marzia, PewDiePie si è difeso su Tumblr dicendo che il suo campo è quello dell’ entertainment , non dei commenti politici. In ogni caso Maker Studios, lo studio di creazione YouTube di Disney, ha rotto il contratto.

Per inviare la propria opinione al Corriere della Sera, telefonare 02/62821, oppure cliccare sulla e-maiol sottostante


lettere@corriere.it
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT