lunedi` 27 marzo 2017
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Invia ad un amico
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Alan Dershowitz si rivolge agli odiatori di Israele (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Rav Jonathan Sacks spiega che cosa davvero è il movimento antisemita e razzista BDS (sottotitolato in italiano)
Per consultare l'archivio Video
CLICCA QUI


Clicca qui





Hai già visitato il sito SILICON WADI?


Clicca qui



Corriere della Sera Rassegna Stampa
12.01.2017 L'Unità chiude l'edizione cartacea, addio senza rimpianti al quotidiano trinariciuto
Cronaca di Alessandra Arachi

Testata: Corriere della Sera
Data: 12 gennaio 2017
Pagina: 5
Autore: Alessandra Arachi
Titolo: «'L'Unità' chiude, via ai licenziamenti. Staino contro il leader Pd»

Riprendiamo dal CORRIERE della SERA di oggi, 12/01/2017, a pag. 5, con il titolo " 'L'Unità' chiude, via ai licenziamenti. Staino contro il leader Pd", la cronaca di Alessandra Arachi.

A destra: il lettore trinariciuto dell' Unità secondo Guareschi

E' tradizione - giusta - rimpiangere un giornale che chiude, in nome della pluralità di opinioni. Ma vale anche per L'Unità? Nonostante il centrosinistra sia cambiato con la guida di Matteo Renzi, il quotidiano è rimasto quello trinariciuto degli anni del PCI, come dimostrano gli articoli su Israele di Umberto De Giovannangeli, intrisi di ostilità per lo Stato ebraico.
Un suggerimento all' Unità: perché non cerca miliardari appassionati che la finanzino, come funziona con il Manifesto? Chissà che non riesca ad andare avanti ancora un po'...

Ecco l'articolo:

Immagine correlata
Alessandra Arachi

Bisognerebbe riesumare Francesco Guccini e le parole della sua «Eskimo»: «.. e alcuni audaci in tasca l’Unità ...» per trovare davvero qualche audace disposto, ancora una volta, a far risorgere lo storico quotidiano fondato da Antonio Gramsci. La Pessina costruzione, socio dell’ Unità all’80 per cento, non ci sta più. E ieri mattina ha annunciato licenziamenti collettivi (sono rimasti 29 giornalisti) senza preavviso. «E senza alcuna trattativa: un metodo che nemmeno il peggiore padrone delle ferriere dell’Unione Sovietica avrebbe mai adottato», denuncia Umberto De Giovannangeli, storico giornalista e membro del comitato di redazione insieme con Maria Zegarelli e Massimo Solani.

È stata una conferenza stampa davvero accesa ieri nella redazione dell’ Unità , accanto ai giornalisti anche il direttore Staino e il condirettore Andrea Romano, deputato del Pd, il partito che dell’ Unità è socio al 20 per cento. Protestano, i giornalisti. Minacciano azioni giudiziarie. Lanciano un appello: «Chiediamo al Pd che nei prossimi trenta giorni verifichino la possibilità di trovare nuovi soci per rilevare il nostro giornale». E la speranza è che si faccia avanti qualcuno di quegli audaci che prima di Pessina, un anno e mezzo fa, avrebbe voluto far rinascere davvero il giornale. Matteo Arpe, prima di tutti.

Ma il giovane banchiere e patron della Sator fa sapere che nel frattempo ha creduto in un altro bel progetto progressista: il settimanale economico Pagina 99 . «Sono certo che il Pd farà di tutto per difendere la storia di questo giornale, soprattutto tenendo conto che questo è l’unico quotidiano politico rimasto in Italia», garantisce Andrea Romano, il condirettore del Pd, che ci tiene a specificare che lui all’ Unità in questi diciotto mesi ci ha lavorato gratis. Subito dopo di lui ha preso la parola Staino, il direttore voluto proprio da Matteo Renzi. «Già, ma che mi ha voluto a fare se in redazione Renzi non l’ho visto neanche mezza volta?», commenta Staino con il suo pezzo di storia personale alle spalle. E aggiunge: «Il paradosso è stato quando sono arrivato alla Leopolda con un mucchio di copie dell’ Unità , ma all’ingresso non hanno voluto farmele passare. E le hanno lasciate fuori, mentre c’era un temporale».

Per inviare la propria opinione al Corriere della Sera, telefonare 02/62821, oppure cliccare sulla e-mail sottostante


lettere@corriere.it
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT