martedi` 19 settembre 2017
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Invia ad un amico
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Rav Jonathan Sacks spiega che cosa davvero è il movimento antisemita e razzista BDS (sottotitolato in italiano)
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

I tre terrori: Iran, Turchia e Siria - la canzone ironica (Latma tv)
Per consultare l'archivio Video
CLICCA QUI


Clicca qui





Hai già visitato il sito SILICON WADI?


Clicca qui



Libero Rassegna Stampa
21.04.2017 A due giorni dal voto il terrorismo islamico colpisce di nuovo Parigi
Editoriale di Carlo Panella

Testata: Libero
Data: 21 aprile 2017
Pagina: 1
Autore: Carlo Panella
Titolo: «Spari sul voto a Parigi: un assist alla Le Pen»

Riprendiamo da LIBERO di oggi, 21/04/2017, a pag. 1, con il titolo "Spari sul voto a Parigi: un assist alla Le Pen", l'editoriale di Carlo Panella.

Immagine correlata
Carlo Panella

Immagine correlata
La Francia al voto domenica

Attentato sugli Champs Elysées, il cuore della Parigi imperiale, a poca distanza dall'Arc de Triomphe: due gli assalitori che hanno sparato, pare con un fucile, prima in un negozio, poi a tre poliziotti - uno rimasto ucciso, gli altri feriti gravemente - ma uno dei due agenti era riuscito a rispondere al fuoco, così un assalitore è stato fatto fuori, mentre l'altro è rimasto ferito. Questo, a soli tre giorni da elezioni presidenziali segnate da continui allarmi di violenza e jihadisti. Da una parte le contestazioni violente ad un comizio del Front National, con una Marine Le Pen costretta a una campagna elettorale blindata, dall'altra la scoperta di un complotto jihadista a Marsiglia il 18 aprile, mentre continui sono gli allarmi delle forze di sicurezza circa la possibilità di nuovi attentati.

A tarda sera ancora non era chiara la natura della sparatoria sui Champs Elisées e neanche l'identità degli attentatori, ma il contesto porta verso le peggiori ipotesi. In una Francia colpita con ferocia da due anni da una serie di attentati che ha fano quasi duecento vittime, la cruciale e combattutissima scadenza elettorale può essere occasione per una «tempesta perfetta»: un attentato sanguinario che impatti violentemente sulle coscienze degli elettori e ne sposti emotivamente le scelte. Questo è già avvenuto in Spagna l'11 marzo del 2004 (l'attentato nella stazione di Atocha provocò l'inaspettata vittoria del Pse e la sconfina dei popolari) e questo può ovviamente accadere in una Francia nella quale i quattro candidati viaggiano tutti tra il 20 e il 25% e tutti gli esiti paiono possibili.

Per inviare la propria opinione a Libero, telefonare 02/999666, oppure cliccare sulla e-mail sottostante


lettere@liberoquotidiano.it
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT