giovedi` 23 novembre 2017
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Invia ad un amico
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Mordechai Kedar: la minaccia di Iran e Hezbollah per Israele e la pace in Medio Oriente (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Perché non c'è ancora uno Stato arabo palestinese? (con sottotitoli italiani)
Per consultare l'archivio Video
CLICCA QUI


Clicca qui





Hai già visitato il sito SILICON WADI?


Clicca qui



Abu Dhabi, il commento di Marius Vizer: vergognoso 01/11/2017

Dopo le ipocrite indignazioni per gli insulti antisemiti, e la farsa mediatica, tutti (o quasi) muti e zitti per quanto successo ad Abu Dhabi. Il judoka israelianosi è cantato l

pgatti2611-gmail.com

Gentile pgatti2611,

Sono sincera, ancora non mi è passata la grande rabbia per i fatti scandalosi di Abu Dhabi. Oggi ho letto sul J.Post che, a una lettera di protesta di Michel Ponte (presidente dell'associazione israeliana di Judo), Marius Vizer, presidente IJF, ha risposto testualmente "A volte con coraggio e educazione si possono risolvere tensioni e conflitti...Io credo che, pur senza bandiera e inno, il vostro team è stato trattato con molto rispetto...." Allora, se un presidente di una federazione internazionale sportiva arriva ad esprimersi in modo cosi' disgustoso di fronte a un'ingiustizia spaventosa contro una determinata squadra, che poi è sempre quella israeliana, significa molte brutte cose ma, sopra tutte, due sono le peggiori: vigliaccheria e interesse.
Cosa significa "essere trattati con rispetto" nonostante siano stati costretti a non essere identificati come israeliani e al rifiuto della stretta di mano da parte degli avversari? Forse che non li hanno presi fisicamente a calci, forse che li hanno lasciati vivere?
Vizer dovrebbe dimettersi dopo questa inqualificabile vergogna ma so che non accadrà, il mondo sportivo, muto come un pesce, è evidentemente della sua stessa idea: gli atleti israeliani possono essere oltraggiati senza conseguenze. Mi piace ricordare che, oltre all'oro di Tal Flicker, altri 5 judoca israeliani hanno vinto il bronzo, nessuno di loro ha avuto la stretta di mano dell'avversario e tutti, sul podio, si sono cantati da soli l'inno di Israele.

Un cordiale shalom

www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT