giovedi` 23 novembre 2017
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Invia ad un amico
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Mordechai Kedar: la minaccia di Iran e Hezbollah per Israele e la pace in Medio Oriente (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Perché non c'è ancora uno Stato arabo palestinese? (con sottotitoli italiani)
Per consultare l'archivio Video
CLICCA QUI


Clicca qui





Hai già visitato il sito SILICON WADI?


Clicca qui



'Siamo tutti ebrei': l'esempio dei radicali 26/10/2017

Carissima Signora Deborah,
A parte il fatto che sono un tifoso del Cagliari (sono sardo), il fatto di aver esibito l'immagine di Anna Frank in uno spazio che decisamente non Le si confaceva (meglio in una biblioteca, forse in una chiesa, addirittura in un teatro ove si sarebbe proiettata qualche pièce seria sulla Shoah), mi ha semplicemente schifato. Parlando con alcuni amici, ho proposto che alla prossima partita i tifosi esibissero la scritta "SIAMO TUTTI EBREI" oppure "SIAMO TUTTI CIRCONCISI". Mi sono sentito rispondere che sarebbe una provocazione. Lei che cosa ne pensa? Todah rabah e Shalom.

Mario Salvatore Manca di Villahermosa

Gentile Mario,
Eliminerei subito quel "siamo tutti circoncisi" dal momento che, oltre agli ebrei, anche altri popoli usano la circoncisione: arabi, molti popoli africani e la praticano anche negli USA quando i genitori la richiedono per motivi di salute dei neonati. Resterei dunque su "Siamo tutti ebrei" che non può sembrare provocatorio a meno che non lo sia per la paura che altri energumeni simili ai laziali possano ritenerlo tale e reagire. Quello che è accaduto a Roma è stato assolutamente disgustoso, barbaro, cattivo e non trovo davvero altre parole per esprimermi. L'immagine di Anne ridotta così ha fatto schifo e tanto male a tutti noi quindi è giusto e sacrosanto esprimere solidarietà. Anne Frank smuove le coscienze (di quelli che ne hanno una) perchè è il simbolo dell'assassinio di sei milioni di ebrei, è il simbolo del milione e mezzo di bambini ebrei ,come lei, massacrati, offenderla è come offendere tutti quei morti innocenti, è come offendere qualcosa di sacro. Anni fa gli unici che uscivano con dei cartelli "Siamo tutti ebrei" erano i radicali (quelli di un tempo) e lo facevano ad ogni attentato terroristico in Israele dove morivano bambini come Anne Frank, anche più piccoli, anche bambini di pochi mesi sgozzati nei loro lettini. Poi anche quella solidarietà è finita e ci hanno lasciati soli. La ringrazio per la sua sensibilità e per il desiderio di fare qualcosa contro la barbarie.
Un cordiale shalom

www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT