giovedi` 23 novembre 2017
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Invia ad un amico
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Mordechai Kedar: la minaccia di Iran e Hezbollah per Israele e la pace in Medio Oriente (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Perché non c'è ancora uno Stato arabo palestinese? (con sottotitoli italiani)
Per consultare l'archivio Video
CLICCA QUI


Clicca qui





Hai già visitato il sito SILICON WADI?


Clicca qui



Anna Frank e il doppio standard dell'indignazione 26/10/2017

Gentile Deborah Fait, è molto difficile e triste, dover commentare, questi grotteschi avvenimenti antisemiti. Ancora,di nuovo,sempre. Si rimane senza parole. I senti- menti sono pieni di rabbia, di dolore, di svuotamento dentro l'anima. Vorrei gridare al mondo: lasciatela stare Anna Frank. Basta con questi meschini ed idioti hashtag. Basta con questi spregevoli, delinquenti, balordi antise-mi ti. L'articolo più bello, più intelligente e commovente,è stato quello della grande Fiamma Nirenstein. " Perchè non vi indignate anche per Onu, Unesco, Oms ? " non per tre cretini". Alla fine dell'articolo, nelle ultime dieci righe, c'è la frase più toccante : Mi dispiace, Anna Frank sono io. Dopo,ci sono le ultime tre righe. Questo articolo è degno di pronunciare Anna Frank. Questa volta , non ho parole per descrivere i miei sentimenti più profondi. Shalom

Alessandra Gargaro

Gentile Alessandra,
L'articolo di Fiamma Nirenstein descrive esattamente i sentimenti che tutti noi proviamo in questi giorni assurdi, dolore, sorpresa, rabbia, quasi una sorta di incapacità di reagire a tanta cattiveria inutile e perversa. Anna Frank non si tocca, non si deve toccare, in nome di quel milione e mezzo di bambini, come lei, massacrati dai nazisti con il complice silenzio di tutta Europa, in nome dei 6 milioni di ebrei bruciati nelle fiamme dell'odio nazista e dei suoi complici muti e consenzienti. Questa buriana passerà come tutte le altre ma ne dobbiamo trarre un insegnamento: stare sempre in guardia perchè non dobbiamo combattere solo contro quattro imbecilli ignoranti ma contro un'intera società che tace e si gira dall'altra parte di fronte a bambini ebrei di Israele sgozzati o, peggio, ne parla definendoli "coloni" quindi meritevoli di essere assassinati.
Un cordiale shalom

www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT