venerdi 24 novembre 2017
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Invia ad un amico
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Mordechai Kedar: la minaccia di Iran e Hezbollah per Israele e la pace in Medio Oriente (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Perché non c'è ancora uno Stato arabo palestinese? (con sottotitoli italiani)
Per consultare l'archivio Video
CLICCA QUI


Clicca qui





Hai già visitato il sito SILICON WADI?


Clicca qui



Il caso Regeni 12/09/2017

Concordo nel ''non mi interessa sapere perché era in Egitto'' ma è importante sapere il perché è stato ucciso. Io non vorrei trovarmi in Egitto e commettere gli stessi ''errori'' di Giulio ...e come me chiunque altro ...purtroppo stiamo parlando di un paese ''poco'' democratico ed ''errori'',se così si possono chiamare, li può commettere chiunque. Ero in Egitto circa 8 anni fa e all'uscita, ai controlli, mi hanno sequestrato il passaporto perché a dir loro era ''falso'' (''not real sir'' mi continuavano a dire) ...ho passato le due ore più lunghe della mia vita seduto in un sedile d' auto in un ufficio di polizia in aeroporto con nessuno che parlava inglese! nel mentre sono stato supportato dai nostri legali locali e alla fine è andato tutto liscio a parte l'aereo perso. Se non avessi avuto un supporto locale non so come sarebbe andata ...Direi che chiarire cosa sia successo è un obbligo da parte delle istituzioni di entrambi i Paesi perchè in Egitto tutti potremmo trovarci nella situazione di Giulio e ben vengano le maniere forti.

Nicola Piovesan

Gentile Nicola,
Lei ha perfettamente ragione, è sempre molto pericoloso andare a curiosare, se questo è stato il caso di Giulio Regeni, in un paese che non conosce la democrazia. Senza arrivare fino in Egitto ricordo quanto fosse azzardato, nell'ex Jugoslavia, mettersi a discutere con un poliziotto anche per una semplice multa. Credo che qualcuno dovrebbe chiedere spiegazioni alla coordinatrice di Regeni a Londra, è stata lei, egiziana, a mandare il ragazzo nel suo paese e non si sa perchè se non che lui ci ha rimesso la pelle. Spero che la verità salti fuori molto presto ma credo che il povero Giulio si sia trovato invischiato in qualcosa di molto più grande di lui, che sia stato semplicemente usato e che il segreto di tutta la storia sia a Londra.
Un cordiale Shalom

www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT