venerdi 18 agosto 2017
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Invia ad un amico
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Menachem Begin interviene su un possibile Stato palestinese 09/08/2017
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

L'arringa per la mia Terra, di Herbert Pagani
Per consultare l'archivio Video
CLICCA QUI


Clicca qui





Hai già visitato il sito SILICON WADI?


Clicca qui



Chi attacca e chi difende 03/08/2017

Buongiorno, ho letto il post dell'01.08.17 sul Re di Giordania. Sul Monte del Tempio una cosa Ŕ la sovranitÓ un'altra cosa Ŕ la gestione di un ente catastale (secondo una visione occidentale - il waqf era quel territorio sottratto al potere del sultano proprietario di tutte le terre dell'impero perchŔ era destinato ai bisogni religiosi,e quindi era inalienabile ed esente d tasse), quindi lo Stato Israeliano ha tutto il diritto di difendere la vita umana su quei luoghi secondo leggi proprie ed universali. In merito a quel che Ŕ successo in Giordania,l'unica cosa che sappiamo, e solo dai giornali, Ŕ che al di fuori dell'ambasciata, durante una consegna di mobilia, ci stavano tre uomini, due muoiono ed uno rimane ferito. Ora quello ferito (ovvero il testimone) Ŕ in Israele e le perizie sui corpi (ed in Italia spesse volte queste perizie "parlano" pi¨ dei vivi.......) sono in Giordania . E' mia opinione personale che il Premier prima di abbracciare in pubblico il "vivo" doveva aver il buon gusto di aspettare le prime risultanze della Magistratura (indipendentemente dal responso), non facendolo ha mandato in pubblico un messaggio al Re di Giordania dalla dubbia interpretazione.

Cordialmente

Franco Licciardello

Gentile Franco,

Giusto esprimere le proprie opinioni ma, per essere chiari, il ferito tornato in Israele Ŕ la vittima essendo stato aggredito e pugnalato con un cacciavite da uno dei due rimasti in Giordania. Il ferito israeliano, quindi la vittima dell'aggressione, ( il suo nome Ŕ Ziv) aveva tutto il diritto di essere accolto in modo affettuoso dal Premier anche perchŔ fino all'ultimo la tensione Ŕ stata molto forte. Inoltre il Re di Giordania Ŕ l'ultimo a dover protestare dal momento che lui, in prima persona, aveva definito martiri i tre terroristi arabo-israeliani che avevano assassinato i nostri due agenti di polizia sul Monte del Tempio.

un cordiale Shalom

www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT