martedi` 22 agosto 2017
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Invia ad un amico
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

I tre terrori: Iran, Turchia e Siria - la canzone ironica (Latma tv)
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Menachem Begin interviene su un possibile Stato palestinese 09/08/2017
Per consultare l'archivio Video
CLICCA QUI


Clicca qui





Hai già visitato il sito SILICON WADI?


Clicca qui



Non era la terrorista a essere incinta 17/03/2017

La terrorista NON era incinta , era un Arabia di 16 anni che si è schiantata contro una fermata del bus dove erano in attesa dei civili , tra i feriti c'è una donna israeliana incinta ricoverata in grave stato di chock e con ferite lievi , l'esercito ha sparato contro l'auto prima che si infrangesse sui piloni che proteggono tutte le fermate dei bus , la notizia sbagliata è stata riportata per prima dall'ansa alla quale molto hanno mandato lettere di protesta è la quale il giorno dopo ha battuto una nuova notizia corretta anche se non ha fatto una vera e propria rettifica , lo scopo dell ansa è stato ugualmente raggiunto , avvenire è solo un altro giornaletto che riporta invenzioni di altri al solo scopo antiisraeliano per fomentare odio

 Daniele Emme Rossi

Gentile Daniele,

Avvenire è un giornale che quando può dare addosso a Israele è sempre al primo posto fra tutti i media, anche quelli di ultra-sinistra. Anche questa volta non ha esistato a riportare la notizia sbagliata diffusa dall'Ansa senza rendersi conto che, se la terrorista fosse stata davvero incinta, avremmo avuto, una volta di più, la dimostrazione della barbarie cui sanno arrivare i palestinesi. La scellerata storia del terrorismo contro Israele insegna. L'Ansa ha sbagliato a dare la notizia senza verificare se fosse falsa o meno ma dobbiamo ammettere anche che mai in passato avevamo avuto la soddisfazione di leggere la rettifica ad una bugia. Questa volta, anche se è vero che la prima notizia è quella che viene ricordata, una correzione c'è stata. Prendiamone atto, è un passo avanti, verso un auspicabile miglioramento dell'informazione su Israele. Stare sempre attenti e non aver paura di protestare è uno dei segreti per raggiungere lo scopo.

 Un cordiale Shalom

www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT