giovedi` 30 marzo 2017
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Invia ad un amico
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

L'intervento di Hillel Neuer all'Onu nel giorno dell'odio contro Israele (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Alan Dershowitz si rivolge agli odiatori di Israele (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)
Per consultare l'archivio Video
CLICCA QUI


Clicca qui





Hai già visitato il sito SILICON WADI?


Clicca qui



 
Deborah Fait
Commenti & TG news watch
<< torna all'indice della rubrica
Rai3 si riconferma Telekabul: scelti con cura gli odiatori di Israele 16/04/2016

Rai3 si riconferma Telekabul: scelti con cura gli odiatori di Israele
Commento di Deborah Fait

Giovedi sera, ore 21.15, Rai 3." L'erba dei vicini. Italia-Israele". Presenta Beppe Severgnini. Ospiti Sergio Della Pergola, Paola Caridi, Gad Lerner, Lella Costa, Lior Misano, Astorre Modena, Moni Ovadia.

http://www.rai.tv/dl/RaiTV/programmi/media/ContentItem-d1a0d574-1846-4411-b5ea-ed078a72a17a.html#p=0

Immagine correlata

La trasmissione ha avuto un inizio che faceva ben sperare quando Beppe Severgnini ha presentato Israele con un monologo mai sentito a Rai 3 "Israele è un paese vivo, intenso, speciale, dove si può e si deve parlare di tutto....in Italia alcuni ne parlano con odio....sbagliando....", poi ha ricordato Saul Bellow e il suo famoso "Gerusalemme andata e ritorno" e il grande Indro Montanelli, ha parlato dell'esercito ( non soldatacci, ha precisato, sono ragazzini) e delle tante eccellenze di Israele.
Purtroppo dopo qualche minuto l'incanto è finito, resettato dall' arrivo degli ospiti, per concludere infine la trasmissione nell'infamia con una scandalosa e lunga intervista a Moni Ovadia.

Immagine correlataImmagine correlataImmagine correlata
Gad Lerner Moni Ovadia Paola Caridi

Andiamo con ordine. Paola Caridi, giornalista e scrittrice, non avrebbe potuto fare un'esposizione più indecente, la sua difesa di Hamas mi ha fatta vergognare per lei e per quello che diceva senza arrossire "...Hamas è un partito politico... i palestinesi vogliono la normalità...( uccidendo israeliani da decenni? Educando all'odio per gli ebrei i loro figli?)....se Israele volesse Hamas potrebbe trattare come aveva fatto per Gilad Shalit...( dopo 5 anni di prigionia e la liberazione di più di 1000 assassini arabi palestinesi)...dal 2005 Hamas ha persino rinunciato ai terroristi suicidi..."
Ma che bravi ! Si è dimenticata di aggiungere, la smemorata, che avevano sostituito i kamikaze con 13.000 missili lanciati su Israele. Un'indecenza vera e propria e mi fa specie pensare che i libri della Caridi siano usati come testi universitari creando tanti giovani antisionisti/antisemiti pronti a firmare i boicottaggi del BDS.

Immagine correlata
Sergio Della Pergola

Sergio Della Pergola, suo dirimpettaio al tavolo delle interviste, ha risollevato per qualche minuto la situazione, bravissimo nel rispondere alla domanda "Perchè Israele non tratta con Hamas?" sbattendo in faccia alla Caridi (e informando i telespettatori e il pubblico presente in sala) quello che è il vero volto dei palestinesi e dell'islam, leggendo il comma 7 dello statuto di Hamas (Fatah, il partito di Abu Mazen, lo ha identico) in cui si parla della eliminazione di Israele e il versetto del Corano in cui si invita ad uccidere ogni ebreo: "L'ultimo giorno non verrà finchè tutti i musulmani non combatteranno contro gli ebrei, e i musulmani non li uccideranno, e fino a quando gli ebrei si nasconderanno dietro una pietra o un albero, e la pietra o l'albero diranno: "O musulmano, o servo di Allah, c'è un ebreo nascosto dietro di me- vieni e uccidilo".

Poi è stata la volta di Gad Lerner la cui frase più vera e giusta è stata "Non credo che Israele vorrebbe essere rappresentata da me". Esatto, non vorrebbe e non dovrebbe esserlo da chi non ha alcun titolo per rappresentare un paese che non è il suo e che non perde mai occasione di criticare con asprezza!

Alla fine delle due ore, il programma che avrebbe potuto e dovuto avere, una volta tanto, un'impronta amichevole e serena grazie al monologo iniziale di Severgnini, è precipitato in un baratro di infamità a causa della presenza di Moni Ovadia : -"Israele è una democrazia rappresentativa che io ritengo non essere una democrazia, lo è forse solo per gli ebrei." -"Israele è, per i palestinesi, uno stato di apartheid". -"Il BDS è un'organizzazione non violenta e completamente democratica quindi lecita" ( e qui cita un altro indegno odiatore di sè e di Israele, Gideon Levy che scrive per quel giornale arabo n lingua ebraica, Haaretz). Alla domanda :" Ovadia, un ebreo può criticare Israele?" la risposta è stata " Deve!" Il momento più pateticamente comico dell'intervista è stata la sua risposta alla domanda "Lei va spesso in Israele?" " Ultimamente non tanto anche perchè la mia presenza non sarebbe gradita e susciterebbe ritorsioni di Maccartismo"
Ma se in Israele non lo conosce nessuno! Sarà venuto un paio di volte molto prima della seconda intifada, ospite dell' American Colony, l'albergo di Gerusalemme est famoso per essere il preferito di giornalisti e opinionisti di estrema sinistra filoarabi e antiisraeliani. Non si illuda Ovadia, qui, se dovessero sentire il suo nome, tutti chiederebbero " Ovadia...chi?"
E poi Maccartismo? In Israele tutti possono dire di tutto, persino deputati arabi della Knesset, pagati colle tasse degli israeliani, possono dire ogni sorta di insulti, di menzogne, possono offendere, sputare in faccia ai soldati, fare propaganda di terrorismo. Docenti e giornalisti di estrema sinistra possono dire e scrivere ciò che vogliono, persino i pacifascisti potevano venire in Israele a deridere le vittime del terrorismo palestinese.

Israele ha impiegato anni prima di decidersi a espellere dal Paese gentaglia che veniva solo a provocare e a maledire. Ma la cosa più scandalosa è stato non contrapporgli nessuno e lasciarlo sputare veleno in libertà per un quarto d'ora, togliendo spazio addirittura a Tzipi Livni la cui intervista è stata relegata su internet. Ovadia, un signor nessuno, diventato famoso raccontando barzellette, ha rubato, con la complicità di Rai 3, il tempo che doveva essere dedicato a un Ministro di Israele. http://www.rai.tv/dl/RaiTV/programmi/media/ContentItem-ad4e09e8-7704-4924-bb98-69ec4d17ae9f.html

Una vergogna! I palestinesi sono un falso problema che serve per dare sfogo al livore di chi odia gli ebrei e Israele, ultima evoluzione, quella moderna, dell'antisemitismo. Avete mai sentito uno solo di quegli inutili idioti menzionare una volta, una sola volta, gli ultimi della terra, i poveri delle favelas, i bambini di cinque anni che spaccano pietre in India, le 270 ragazzine da due anni schiave sessuali di Boko Haram, le stragi del Daesh. Li avete mai sentiti parlare della lotta per la libertà dei tibetani o dei kurdi? Mai! Sono iene sbavanti contro Israele che non sanno nemmeno squittire come topi per difendere chi, a differenza degli improbabili palestinisti, soffre per davvero.

Immagine correlata

Deborah Fait
"Gerusalemme capitale di Israele, unica e indivisibile"

www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT