venerdi 17 novembre 2017
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Invia ad un amico
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Perché non c'è ancora uno Stato arabo palestinese? (con sottotitoli italiani)
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Rav Jonathan Sacks spiega che cosa davvero è il movimento antisemita e razzista BDS (sottotitolato in italiano)
Per consultare l'archivio Video
CLICCA QUI


Clicca qui





Hai già visitato il sito SILICON WADI?


Clicca qui



 
Angelo Pezzana
Israele/Analisi
<< torna all'indice della rubrica
Zalman Leib Teitelbaum, chi è costui? - 10/07/2017
Zalman Leib Teitelbaum, chi è costui?
Lettera da Gerusalemme, di Angelo Pezzana

Immagine correlata
Vestito di bianco, Zalman Leib Teitelbaum

“Non fate Aliya, Israele trasforma gli ebrei in non ebrei”, un appello rivolto agli ebrei francesi per dissuaderli dall’andare a vivere in Israele. Un invito? Un ammonimento? Un ordine? Intanto vediamo da chi arriva. Dal Rabbino Capo del gruppo hassidico ‘Satmar’ Zalman Leib Teitelbaum, di Williamsburg, New York, in visita in Francia. Rigorosamente anti-sionisti, i rabbini che aderiscono a Satmar lo sono sin dalla fondazione dello Stato ebraico. Sono anche acerrimi nemici dell’Agenzia Ebraica, l’organizzazione israeliana il cui scopo è l’inverso di quello di Satmar, favorire cioè l’immigrazione. Ce l’ha pure con la lingua ebraica, tanto che arrivato a Parigi, durante la conferenza introduttiva, il nostro ha parlato in yiddish. Tralasciamo il contenuto del suo intervento, è facile immaginarlo. È arrivato a predire a chi andrà in Israele che andrà incontro a una ‘Shoah spirituale’. L’aspetto positivo è che nessuno gli darà retta, Zalman Leib Teitelbaum tornerà a Williamsburg con le classiche pive nel sacco. In vista di un altro viaggio, ci permettiamo di consigliargli Teheran, dove verrebbe accolto con tutti gli onori, come avviene regolarmente ai suoi identici compari di ‘Naturei Karta’, altra piccola combricola che non perde occasione di partecipare alle manifestazioni anti-Israele organizzate dal regime degli ayatollah. Al mondo c’è posto per tutti, recita l’adagio, perché dovrebbe essere diverso fra gli ebrei? Consola il fatto che quasi nessuno li prende sul serio, anche se in quanto a folklore sono imbattibili.


Angelo Pezzana


http://www.informazionecorretta.it/main.php?sez=90
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT