martedi` 19 settembre 2017
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Invia ad un amico
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Rav Jonathan Sacks spiega che cosa davvero è il movimento antisemita e razzista BDS (sottotitolato in italiano)
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

I tre terrori: Iran, Turchia e Siria - la canzone ironica (Latma tv)
Per consultare l'archivio Video
CLICCA QUI


Clicca qui





Hai già visitato il sito SILICON WADI?


Clicca qui



 
Angelo Pezzana
Israele/Analisi
<< torna all'indice della rubrica
Quando è lo storico a falsificare la Storia 09/07/2017
Quando è lo storico a falsificare la Storia
Lettera da Gerusalemme, di Angelo Pezzana

Risultati immagini per Tzvetan Todorov
Tzvetan Todorov

Che cosa può spingere una persona colta, un intellettuale, uno storico, in poche parole chi avrebbe il dovere di rispettare la verità storica prima di tutto verso se stesso e poi verso gli altri a travisarla completamente, perché soltanto partendo da una menzogna può renderne credibile un’altra ? Ho riletto in questi giorni “I sommersi e i salvati” di Primo Levi, un libro che bisognerebbe leggere più di una volta per le riflessioni e i pensieri che suscita.

Non ricordavo la prefazione di Tzvetan Todorov, filosofo di origine bulgara poi naturalizzato francese, morto alcuni mesi fa, i cui studi sul linguaggio e sul totalitarismo – con particolare attenzione ai campi di concentramento e sterminio nazisti e comunisti - gli hanno dato fama e riconoscimenti internazionali. Acute e condivisibili in gran parte le sue considerazioni su Primo Levi, come i richiami ad altri stermini e l’analisi sul significato della parola ‘memoria’. Giustamente Todorov rimprovera chi non ha saputo trarre lezione dal passato, soprattutto se in qualche misura ne è stato coinvolto, personalmente o in quanto governo. Todorov prosegue però con queste parole “I dirigenti israeliani non ignoravano niente, se ne può essere certi, delle persecuzioni subite dagli ebrei durante la guerra; ciò non ha impedito loro, in diversi momenti della storia recente, di perseguitare a loro volta i palestinesi che avevano il torto di trovarsi ancora su quella terra che aveva smesso di essere la loro”. Todorov conosce la Storia, non gli si può imputare di non conoscerla. Sa benissimo che quella ‘terra’ non ha mai conosciuto uno Stato palestinese, ma, volendo partire dall’antichità, lo Stato del popolo ebraico, Israele, distrutto dai romani nel 70 e.v. ‘Terra’ che è stata poi oggetto di molte dominazioni nell’arco di due millenni, tra le quali anche una islamica, durata fino alla caduta dell’Impero Ottomano durante la prima guerra mondiale. Ma anche durante tutti quei secoli, la maggioranza relativa degli abitanti di Gerusalemme - che il Corano non cita mai, nemmeno una volta, era composta da ebrei.

Risultati immagini per gaza auschwitz
Il paragone antisemita Gaza=Auschwitz, una invenzione per condannare lo Stato ebraico

Sostenere oggi che vi sia stata anche solo una parvenza di organizzazione statuale arabo-musulmana nell’ex Impero Ottomano – e la si attribuisca retroattivamente alla popolazione che viene definita palestinese - è una menzogna indegna per qualsiasi storico. Mentire sulla Storia di Israele è una abitudine che non ha mai suscitato indignazione, come insegna la storia recente dell’Unesco, che sembra fotocopiare l’affermazione di Todorov. Dalle sue parole sorge una domanda, alla quale non è mai stata trovata un risposta definitiva: come si diffonde l’antisemitismo? Essendo ovvio che è un non senso pretendere che tutti conoscano la storia di Israele e del Medio Oriente, così come succede per altri stati e popoli, perché sugli ebrei e su Israele menzogne e pregiudizi hanno trovato terreno fertile, tanto da sovrastare la verità storica? “L’ha scritto anche Todorov”, chissà quanti l’hanno pensato e detto, evitando di verificare se rispondeva al vero? E quanti sono i Todorov, responsabili nella stessa misura, che hanno attribuito a Israele calunnie e menzogne spacciandole per vere?


Angelo Pezzana


http://www.informazionecorretta.it/main.php?sez=90
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT