lunedi` 23 ottobre 2017
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Invia ad un amico
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Rav Jonathan Sacks spiega che cosa davvero è il movimento antisemita e razzista BDS (sottotitolato in italiano)
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Intervento in difesa di Israele all'Onu del Principe Verde, figlio di Hamas (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)
Per consultare l'archivio Video
CLICCA QUI


Clicca qui





Hai già visitato il sito SILICON WADI?


Clicca qui



 
Angelo Pezzana
Israele/Analisi
<< torna all'indice della rubrica
Netanyahu: ciò che conta è averlo nel mirino 26/07/2016
Netanyahu: ciò che conta è averlo nel mirino
Lettera da Gerusalemme, di Angelo Pezzana

Immagine correlata
Benjamin Netanyahu

IBC (Israel Broadcasting Corporation)- una TV pubblica sull’esempio della BBC- doveva essere inaugurata il 1° ottobre, era stato raggiunto anche l’accordo con l’Histadrut, il sindacato, invece non se ne farà nulla per ora, ma la data è stata rinviata all’aprile 2017. I motivi sono tanti, anche contraddittori. Bibi Netanyahu, che è anche Ministro delle Comunicazioni, ha riferito in Commissione che l’intera struttura non è ancora pronta, partire adesso sarebbe un fallimento. Questo per smentire chi gli attribuiva la responsabilità del rinvio, forse persino la volontà di affossare l’intero progetto. La sua risposta è stata decisa “ Israele ha 2 canali commerciali, il 2° e il 10°, se guardiamo altri paesi con le nostre dimensioni, la Danimarca ha 6 canali, 5 il Belgio, 8 la Finlandia.

Immagine correlata
Moshe Kahlon

Gli israeliani devono avere la possibilità di scegliere, come è avvenuto con i cellulari, prima era tutto in mano a due aziende, poi abbiamo aperto il mercato con una legge, voluta da ministro delle finanze Kahlon (lo stesso che si è battuto per la creazione di IBC), che consentiva a tutti di investire nel settore e il risultato si vede, il servizio è enormemente migliorato (Lo testimonia chi scrive, le compagnie che operano in Israele, grazie alla concorrenza, offrono servizi sui cellulari che in Italia ce li sognamo!). Il rinvio ha però creato scontento fra i partiti della coalizione, la mancata apertura della nuova TV di stato viene giudicato antidemocratico, in quanto avrebbe rappresentato un modo di fare informazione indipendente , quindi una garanzia lontana da pressioni politiche e private. Ma Netanyahu non ha detto di no, anzi, tutto lascia prevedere che alla fine il progetto sarà molto ambizioso, perché ha dovuto giustificarsi, arrivando ad affermare che “non sta cercando di controllare i media”?

La IBC sostituirà il precedente canale IBA (Israel Broadcasting Authority), ormai fuori mercato, allora perché destra e sinistra lo accusano? Viene in mente il quotidiano gratuito Israel Hayom , il primo per diffusione, finanziato dal multi miliardario americano Sheldon Adelson, grande amico di Bibi, ma nessuno ha visto nel nuovo progetto TV un possibile tentativo di ripetere a livello televisivo il vantaggio che indubbiamente la pubblicazione del quotidiano gli ha portato. Come nessuno ha collegato al nuovo canale una risposta a i24news, la tv privata che trasmette da Tel Aviv-Yafo in tre lingue, inglese,francese,arabo e che ha una audience internazionale, certamente lontana da qualsiasi rapporto benevolo con il Primo Ministro. Insomma, non c’è nulla che indichi nel rinvio della nuova TV statale una mossa strategica studiata appositamente da Bibi per interessi personali. Quindi, perché è di nuovo sotto tiro? Difficile trovare la risposta.


Angelo Pezzana


http://www.informazionecorretta.it/main.php?sez=90
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT