lunedi` 23 gennaio 2017
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Invia ad un amico
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

I ragazzi che difendono Israele
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

La verità sui confini del '48 (sottotitoli in italiano)
Per consultare l'archivio Video
CLICCA QUI


Clicca qui





Hai già visitato il sito SILICON WADI?


Clicca qui



Israele / Analisi - Israele / Analisi
Un successore per Abu Mazen: Mohamed Dahlan? 24/07/2016

Un successore per Abu Mazen: Mohamed Dahlan?
Lettera da Gerusalemme, di Angelo Pezzana

Immagine correlata
Mohamed Dahlan

Fra i politici che si candidano alla successione di Abu Mazen, l’unico nome che suscita il nostro interesse, e non da oggi, è quello di Mohamed Dahlan (nato a Gaza nel 1961), in esilio tra Giordania e Emirati. Le accuse contro di lui sono risibili, sufficienti però per privarlo della libertà. Dahlan è infatti l’unico ad esprimere le proprie critiche alla leadership di Ramallah senza peli sulla lingua.

Immagine correlata
Abu Mazen

Il suo percorso politico inizia con Arafat, che lo nomina responsabile della sicurezza a Gaza nel 1995, ma si dimette nel 2002 per divergenze con il raiss. Rientra a Ramallah, dove gli vengono affidati incarichi sempre attinenti alla sicurezza a livello ministeriale. Quando però Hamas minaccia di impadronirsi di Gaza, Arafat lo rinvia nella Striscia, ma la popolazione vota in maggioranza contro Fatah, nell’illusione che il nuovo potere possa mettere fine alla corruzione dilagante di Arafat. Ramallah accusa invece Dahlan per non essere riuscito a impedire il successo elettorale dei rivali, anche se la responsabilità non era certo sua ma di Arafat.

Rientrato nuovamente a Ramallah , entra a far parte del Comitato Centrale di Fatah nel 2009, ma, ancora una volta, ci rimane per poco tempo, la sua opposizione ad Arafat è sempre più forte. Nel 2011 l’incarico gli viene revocato, con l’accusa di diffamazione. Dahlan riesce a fuggire in Giordania in tempo per non essere arrestato. È da questo momento che la sua immagine assume un aspetto internazionale. Nel 2014 cerca di creare un fronte nazionale in grado di opporsi al regime di Abu Mazen, che, dichiara, “ sta conducendo i palestinesi verso la catastrofe “.

Ha buoni rapporti con l’Egitto, con gli Emirati Arabi Uniti, persino con Hamas ha in qualche modo riallacciato un legame, avendo ottenuto il permesso di inviare nella Striscia aiuti umanitari. Sin dal suo ingresso in politica, Israele l’ha seguito con attenzione, Dahlan ha infatti rapporti frequenti anche con esponenti di primo piano del governo israeliano. Alcuni avanzano dubbi sul seguito che può avere nell’Anp, in effetti Dahlan assomiglia di più a un politico occidentale, pragmatico lo è di sicuro, una qualità che mancava ad Arafat e che non possiede nemmeno Abu Mazen. Potrebbe essere l’uomo giusto per un accordo di pace con Israele, sempre che questa sua disposizione non gli procuri un giudizio sfavorevole da parte degli organismi internazionali, che finora si sono sempre schierati in funzione anti-israeliana con i leader palestinesi. Alla pace hanno sempre preferito appoggiare chi prediligeva la sconfitta dello Stato ebraico. Mohamed Dahlan potrebbe essere l’alternativa.


Angelo Pezzana

www.jerusalemonline.com