giovedi` 23 novembre 2017
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Invia ad un amico
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Mordechai Kedar: la minaccia di Iran e Hezbollah per Israele e la pace in Medio Oriente (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Perché non c'è ancora uno Stato arabo palestinese? (con sottotitoli italiani)
Per consultare l'archivio Video
CLICCA QUI


Clicca qui





Hai già visitato il sito SILICON WADI?


Clicca qui



 
Manfred Gerstenfeld
Israele, ebrei & il mondo
<< torna all'indice della rubrica
Shoah: quanto hanno speculato i notai francesi sulle proprietà ebraiche arianizzate 22/10/2017
 Shoah: quanto hanno speculato i notai francesi sulle proprietà ebraiche arianizzate
Intervista con Vincent le Coq e Anne Poiroux

(Traduzione di Angelo Pezzana)

Risultati immagini per Vincent le Coq  Anne Poiroux

Vincent Le Coaq insegna legge dal 2.000, dopo essere stato avvocato per dieci anni. Anne-Sophie Poiroux, dopo avere esercitato la professione di notaio, è oggi avvocato.

“Nel 2015 abbiamo pubblicato il libro “ Notai sotto l’Occupazione(1940-1945): chi ha espropriato gli ebrei”. Fino a quel momento la collaborazione dei notai con il governo di Vichy e il loro ruolo nel derubare le proprietà degli ebrei non era conosciuto. Nel libro analizziamo il loro ruolo centrale nella arianizzazione nel settore dell’economia e la protezione che hanno ricevuto dal governo democratico dopo la liberazione della Francia nel 1944.

Risultati immagini per Vincent le Coq  Anne Poiroux

“Dopo il 10 settembre 1940 il governo di Vichy stabilì di nominare degli amministratori alla guida delle aziende di proprietà ebraica. Non gli era però consentito venderle. All’inizio del 1941 una nuova legge lo consentì e il denaro poteva essere incassato dai proprietari ebrei, ma nell’Aprile dello stesso anno un decreto tedesco sequestrò i pagamenti. Secondo la legge di Vichy del 22 luglio 1941 il denaro doveva essere depositato nella ‘Caisse des Depots et Consignations (CDC), una istituzione pubblica francese”.

“ L’arianizzazione’ economica fu graduale, organizzata sia dai tedeschi che dai francesi. Il primo atto discriminatorio – lo ‘statuto degli ebrei’- fu una iniziativa decisa da Vichy, mentre l’arianizzazione partì inizialmente dalla Germania con dei decreti applicati solo nel nord della Francia sotto il regime tedesco. Dal 22 luglio 1941 si estese anche alla Francia del sud, non ancora occupata.

“ Prima della guerra, dei trasferimenti di proprietà se ne occupavano notai e avvocati. Erano i notai però a collaborare strettamente con il governo di Vichy, che decise di affidare solo a loro tutte le pratiche di arianizzazione.

“Conosciamo in modo approssimativo quante imprese ebraiche e proprietà immobiliari vennero arianizzate. A Parigi e località limitrofe vennero registrate 31.000 pratiche di vendita. 11.000 nelle restanti zone occupate e 7-8.000 al sud. Ma non tutte le vendite risultano registrate. Su un totale di 6,607 notai in Francia nel 1939, solo 10 erano ebrei,un indicatore di come la professione era sbarrata agli ebrei.

“I notai non erano soltanto una lobby al servizio del monopolio di arianizzazione di Vichy, suggerivano anche i cambiamenti legali per rendere più veloci le procedure. Dal 1939 al 1942 il loro giro di affari aumentò da 712 milioni di franchi a più di 1 miliardo e 300 milioni. Il clienti ebrei, non fidandosi più delle banche, depositavano il denaro presso di loro. Non sappiamo quanto di quel denaro sia stato poi confiscato negli studi notarili.

“Dopo il 1942 molti potenziali acquirenti cominciarono a prevedere che la Germania sarebbe stata sconfitta. Da quel momento divenne difficile la vendita delle proprietà arianizzate. I notai si lamentavano per la flessione dei loro redditi, tanto che il governo di Vichy gli consentì di alzare i loro tariffari, una misura illegale che però non produsse alcuna condanna.

“Nel 1944 la Francia tornò a essere una repubblica democratica. Le tariffe che i notai praticavano alle vendite delle proprietà arianizzate degli ebrei vennero considerate legali. Nel 1945 il governo francese aumentò le tariffe dei notai del 30%, per compensarli della perdita della vendita consentita dalle leggi antisemite di Vichy delle proprietà ebraiche.

“La repubblica espulse molti collaboratori in diverse professioni, ma il ministero della giustizia affidò all’ordine dei notai di decidere indipendentemente chi doveva essere indagato. L’ordine dei notai dichiarò che nessuno dei suoi membri aveva collaborato con il nemico. Ovviamente una falsità.

“Nel 1954 l’ordine dei notai di Parigi elesse presidente uno che si era dimostrato particolarmente zelante nel derubare le proprietà dei suoi clienti ebrei. Venne rieletto nel 1957 e nel 1960 gli venne concessa la Legion d’Onore. Un suo associato, che si vantava di essere antisemita, divenne presidente dell’Ordine Superiore dei Notai (CSN) dal 1948 al 1950. Il Presidente René Coty gli concesse personalmente la Legion d’Onore. Erano note le buone relazioni del notaio con gli occupanti tedeschi.

“La Commissione Mattéoli, che alla fine del 20°secolo aveva investigato sulle restituzioni alla fine della guerra, scoprì che questi influenti e decorati notai non avevano registrato le tasse su tutte le vendite delle proprietà arianizzate. Non sono stati i soli.

“Gli archivi sulle relazioni fra il ‘Commissariato Generale di Vichy sugli Ebrei’ (CGQJ) e i notai erano accessibili ai ricercatori che appartenevano all’ordine dei notai. A chi voleva investigare gli elenchi delle proprie espropriazioni, il responsabile notarile opponeva il segreto professionale. Non solo per proteggere la professione, ma anche la reputazione delle famiglie. Una attitudine all’opposto dei loro comportamenti durante l’arianizzazione, dove nessun notaio si era mai richiamato al segreto professionale. Alla domanda di come il loro libro fosse stato accolto, Le Coq e Poiroux hanno risposto che, a parte una presentazione al Memoriale della Shoah di Parigi, in Francia era stato largamente ignorato. Ancora oggi, i notai pretendono di avere opposto una nascosta resistenza durante la guerra.

Risultati immagini per manfred gerstenfeld
Manfred Gerstenfeld è stato insignito del “Lifetime Achievement Award” dal Journal for the Study of Antisemitism, e dall’ International Leadership Award dal Simon Wiesenthal Center. Ha diretto per 12 anni il Jerusalem Center for Public Affairs.
Collabora con Informazione Corretta

www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT